QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Passo Tonale, ecco il ciclone Golia: intense precipitazioni in arrivo, atteso un metro di neve

venerdì, 26 febbraio 2016

Passo Tonale – Dalla serata di domani e fino a lunedì prossimo l’arco alpino sarà interessato dal transito di una perturbazione che porterà con sé neve e piogge diffuse su tutto il territorio.

L’atteso maltempo previsto nel corso del weekend ormai è una realtà. Il ciclone Golia si abbatterà con tutta la sua forza su molte regioni del Centro-Nord a suon di temporali, nubifragi, abbondanti piogge e copiose nevicate sulle Alpi.neve tonale 3

La bassa pressione nella vicina Spagna, Golia, attiverà intensi venti di Scirocco su tutti i mari, forieri di precipitazioni abbondanti che già da domani inizieranno a bagnare Liguria e Piemonte dove sono attesi quantitativi di pioggia tali da mettere in allerta le due regioni per rischio idrogeologico. Le piogge si estenderanno nel corso della notte di Sabato e poi tutta Domenica al resto del Nord, Toscana, Umbria, Lazio e Sardegna.

Temporali possibili su tutte queste regioni. Maltempo intenso sull’arco alpino e prealpino. Neve molto abbondante su tutte le Alpi sopra i 900/1300 metri, in base alle locali condizioni climatiche. Lo zero termico oscillerà tra 1000 e 1500 metri. Accumuli fino a 150 cm a fine episodio in alta quota. Martedì migliorerà, nuovo peggioramento più freddo atteso tra giovedì 3 e venerdì 4 Marzo.

PREVISIONI NEVE
Le previsioni danno un metro di neve per i rilievi settentrionali del Bresciano, l’Ovest Trentino, area Adamello-Brenta e l’Est del Sondriese, area Stelvio. Ancora accumuli sui 100 centimetri o oltre dai 1200/1300 m, sull’Est Trentino, area San Martino di Castrozza, Canazei e su tutto il Nord Veneto, dalle Dolomiti Bellunesi, Cortina d’Ampezzo, area Auronzo di Cadore al Parco Naturale tre Cime e sul Nord Friuli, area Forni si Sopra e Forni Avoltri.

IN TRENTINO
In particolare sono previsti, nelle serata di domani tra i 5 e i 15 millimetri di precipitazione con limite neve fra i 700 e i 900 metri di altezza. Domenica si aggiungeranno ulteriori precipitazioni (stimate tra i 50 – 80 millimetri) con limite neve inizialmente tra i 900 e i 1200 metri in aumento dal pomeriggio tra i 1300 e i 1600 metri d’altezza. Lunedì le previsioni meteo indicano nuove precipitazioni stimante tra i 20 e i 40 millimetri con la quota di neve in lieve abbassamento. I valori maggiori delle precipitazioni sono previsti sui settori meridionali.

A seguito dell’avviso meteo, la Protezione civile trentina ha valutato come ‘ordinaria criticità’ le problematiche idrogeologiche, idrauliche e nevose. La Protezione civile ha diramato un’allerta ordinaria su tutto il territorio provinciale con il controllo di corsi d’acqua e piccoli corpi idrici da parte dei vigili del fuoco volontari, dei Comuni e del Servizio bacini montani. Si tratta di verifiche previste da protocolli e che riguardano corsi d’acqua il cui bacino di alimentazione ricade per la maggior parte al di sotto della quota di 1500 metri. L’allerta è dovuta alla previsione che nella seconda parte della perturbazione e a causa di correnti sciroccali (calde), la neve si trasformi in acqua, andando a sciogliere il manto nevoso esistente. Alle quote più elevate andranno tenute libere da accumuli nevosi gli scarichi delle canne fumarie e degli aeratori per consentirne il regolare funzionamento.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136