QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad

Ad
Ad
Ad

Ad

Passo Paradiso: la 38^ Festa della Fratellanza nel segno della Pace. Serra: “Quest’anno ha un valore più forte”

giovedì, 20 agosto 2015

Passo Tonale –  Si avvicina la 38^ edizione della Festa della Fratellanza Passo Paradiso. La Festa, di per sé un incontro di straordinario valore simbolico, all’insegna della pace e della memoria, quest’anno è carica di un significato ancora più forte, cadendo nel centenario dallo scoppio della Grande Guerra.

Cent’anni fa il primo ordigno ruppe la quiete delle nevi perenni del ghiacciaio del Presena, dando inizio a tre anni di sanguinose battaglie che videro due eserciti contrapporsi in una logorante guerra di posizione (Nella foto le precedenti edizioni).

A un secolo da quei tragici eventi, anche quest’anno Passo Paradiso, oggi luogo della memoria, tornerà ad unire i nemici di un tempo in nome della Fratellanza. Nata dall’intuizione di Emilio Serra e di Kurt Steiner trentotto annpasso tonale fratellanza13 (FILEminimizer)i fa, la Festa della Fratellanza nel tempo ha acquisito sempre più valore, divenendo un’occasione unica per riflettere sull’importanza della Pace, proprio dove allora molte vite furono tragicamente spezzate.

Oggi portata avanti dalla passione dal figlio di Emilio, Achille, e dalla sua famiglia, riunisce centinaia di persone a Passo Paradiso: alla cerimonia partecipano i rappresentanti dei Gruppi Kaiserschützen, Kaiserjäger e Standschützen, delle Compagnie Schützen, della Croce Nera Austriaca, dei Gruppi Alpini, delle Associazioni ex Combattentistiche e delle associazioni di volontariato della Val di Sole e della Val Camonica.

La Festa della Fratellanza sarà anche l’occasione per ricordare quanto avvenne nell’agosto del 1915, quando gli abitanti di Vermiglio, paese sul fronte, furono evacuati e inviati nel campo profughi di Mitterndorf: una numerosa e autorevole delegazione proveniente dalla cittadina in Stiria parteciperà sia sabato, sia domenica, alle commemorazioni, a testimoniare un legame che nel tempo non è venuto meno.

Porteranno il saluto, tra le autorità presenti, anche la Presidente del Consiglio regionale del Trentino-Alto Adige/Südtirol, Chiara Avanzo, l’assessore provinciale Carlo Daldoss e il senatore Franco Panizza, che porterà il saluto del Governo in rappresentanza del Comitato nazionale per il Centenario. La Festa della Fratellanza prenderà il via sabato 22 agosto, alle 21 a Vermiglio, con il concerto del Coro Val Sella, domenica 23 agosto la telecabina di Passo Tonale sarà attiva a partire dalle 7 per portare i partecipanti in quota, dove alle 10 prenderà il via la sfilata accompagnata dal Corpo bandistico Ossana-Vermiglio fino al monumento alla Fratellanza.

Alle 10.45 la Santa Messa celebrata dal Cappellano militare, padre Giorgio Valentini, con la partecipazione del Coro “Presanella”, al termine della quale si terrà la salva d’onore della Compagnia Schützen Val di Sole e la deposizione corone al monumento della Fratellanza.

In questa occasione particolare, verrà inoltre ricordata, con l’inaugurazione di una targa, la figura del Presidente Diego Moltrer, che fu entusiasta promotore della manifestazione.

La Festa della Fratellanza gode del patrocinio della Presidenza del Consiglio regionale del Trentino-Alto Adige/Südtirol, della Presidenza e dell’ Assessorato alla Cultura, Cooperazione, Sport, Protezione civile della Provincia Autonoma di Trento, della Comune di Vermiglio, della Comunità della Val di Sole.

MESSAGGIO DI PACE

A Passo Paradiso torna la Festa della Fratellanza, tradizionale appuntamento di amicizia e fratellanza tra nazioni e popoli. Nata grazie alla lungimiranza ed alla volontà di Emilio Serra e Kurt Steiner, è divenuta nel tempo un momento di straordinario valore simbolico, un pellegrinaggio di pace che richiama migliaia di persone nei luoghi che videro la sofferenza e la morte di tanti soldati, su entrambi i fronti. Nel 2015 la Festa assume un significato ancora più  importante, rappresentando un’occasione per ricordare i feroci combattimenti e tutti i coloro che vi caddero, uniti al di la` di ogni confine geografico ed ideologico.

La 38^ edizione è inserita nell’ambito delle manifestazioni del Centenario della Prima Guerra Mondiale. “Ricordare la Prima guerra mondiale a  un secolo dallo scoppio – commenta Achille Serra, del museo Guerra Bianca di Vermiglio e promotore della Festa della Fratellanza – significa potersi rivolgere al passato con uno sguardo nuovo.

Ci troviamo a Passo Paradiso per ricordare, ma soprattutto per celebrare un’amicizia nata dalle ceneri di quel conflitto e che unisce al di là di ogni simbolo o bandire. La Festa della fratellanza è un evento straordinario. Oggi abbiamo il dovere di ripercorrere quegli eventi, di spiegare cosa avvenne e perché, di superare divisioni e confini, in nome della cosa più preziosa che possiamo lasciare ai nostri figli. la pace”.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136