QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad


Ad
Ad

Passo Paradiso: immersione di 50 sub nel laghetto Monticelli. Assegnato a Nicosia il premio Costa

lunedì, 7 settembre 2015

Passo Tonale – Un evento straordinario, che si ripete da ben 24 anni. E’ l’immersione dei subacquei al lago Monticelli – a trecento metri dal Passo Paradiso – a lato del sentiero che porta al Presena.

In occasione dello stage in “Alta Quota”, organizzato dalle attività subacquee della UISP in collaborazione con le associazioni lombarde, è stato consegnato il premio Paolo Costa 2015 che è stato assegnato dalla giuria a Elio Nicosia.

L’edizione 2015 dell’immersione in Alta quota – la temperatura dell’acqua era di 2-3 gradi – è stata diverse dalle altre anche per il clima: sabato una tormenta di neve, domenica un cielo terso con la neve sulle montagne circostanti (Nelle foto l’immersione di ieri e la consegna del premio Costa).

 

LA PREPARAZIONE

Per lo stage il gruppo dei 50 iscritti alla manifestazione si sono incontrati per una lezione di teoria sull’immersione in quota: all’evento erano presenti i gruppi del punto sub Bergamo, centro sub Treviglio, Subaqua ( Cral banca popolare di Bergamo ), gruppo sommozzatori di Dalmine, scuolasubmania. “Siamo giunti al Passo Tonale – racconta Dario Nicolai, tra gli organizzatori – con sabato pomeriggio acqua e in serata una bufera di neve”.

Ieri il grande evento: alle 8, come da programma, i sub si sono ritrovati alla Funivia del passo Paradiso, quindi hanno raggiunto il laghetto Monticelli (2640 metri sopra il livello del mare). Dopo la fase di preparazione e riscaldamento è iniziata l’immersione dei 50 sub. “Il tempo – aggiunge Dario Nicolai – era nettamente cambiato: c’era un ben sole. però con una temperatura bassa e le montagne attorno erano imbiancate. Una giornata davvero bella”.

Al termine delle immersioni c’è stato un momento di commemorazione della Grande Guerra: sono state lette alcune lettere di prigionieri di guerra condannati a morte da parte degli organizzatori.

La giornata è proseguita con un ricco pranzo al rifugio Paradiso e al termine la consegna del premio Costa e l’assegnazione degli attestati a tutti i subacquei che si sono immersi ed ai rispettivi circoli subacquei. “Una bellissima giornata – hanno concluso gli organizzatori – con l’augurio di ritrovarci alla prossima edizione con la voglia di passare insieme momenti così”.

PREMIO COSTA

Il premio Paolo Costa 2015 è stato assegnato dalla giuria a Elio Nicosia con la seguente motivazione: “A Siracusa “città di mare per eccellenza”, inizia sin da ragazzo l’attività subacquea, appassionato da sempre di fotografia terrestre, scopre e si dedica alla fotografia subacquea, inizialmente partecipando a gare e concorsi con ottimi risultati. Utilizza successivamente le immagini subacquee per sensibilizzare e far capire all’uomo che il Mare è un immenso patrimonio di ricchezze inestimabili il quale va assolutamente salvaguardato,  è per questo motivo che sostiene ed incoraggia ogni e qualsiasi iniziativa che abbia questa finalità”.

Elio Nicosia è nato a Siracusa, inizia sin da ragazzo l’attività subacquea, nel 1990 già appassionato di fotografia terrestre, si dedica alla fotografia subacquea, è da allora che partecipa a gare, campionati italiani e concorsi nazionali ed internazionali ottenendo ottimi risultati.

A seguito della sua passione sportiva utilizza il mezzo della fotografia subacquea per sensibilizzare la società civile, i ragazzi e gli appassionati tutti la salvaguardia del mondo marino: il Mare è un immenso patrimonio di ricchezze inestimabili e va assolutamente salvaguardato,  è impegnato quasi quotidianamente in qualsiasi iniziativa che abbia questo obiettivo. Con alcuni appassionati fonda il Circolo Attività Subacquee Talassocrate di Siracusa, di cui ricopre la carica di Vice Presidente; è tramite questa associazione che entra in contatto con le attività subacquee della UISP condividendo fra tutte l’iniziativa “Una finestra sul Mare”.

Come fotografo subacqueo ed esperto ha partecipato a diverse trasmissioni televisive, ha collaborato con alcune riviste del settore subacqueo pubblicando articoli di carattere biologico e turistico e a livello agonistico ha fatto parte del Club Azzurro della Nazionale di Fotografia Subacquea negli anni 2003, 2005, 2006.

IL RICORDO DELL’EX SINDACO DI PONTE DI LEGNO

Paolo Costa era sardo di origine, essendo nato ad Iglesias (Cagliari). Nel 1980, dopo la laurea in Medicina e Chirurgia ottenuta nel 1975 all’Università di Padova, si era trasferito a Ponte di  Legno, per esercitarvi la professione di medico. A Ponte di Legno si era inserito molto bene, tanto che dieci anni dopo il suo arrivo, nel 1990, era stato eletto sindaco del paese dell’alta Valle Camonica. Era rimasto in carica per cinque anni, fino al 1995.

Per realizzare appunto un documentario subacqueo Paolo Costa si trovava a maggio del 2010, impegnato con alcuni colleghi, nelle profondità della sorgente carsica di «Su Gologone» e stava riprendendo le fasi di una gara di colleghi subacquei, impegnati nel tentativo di superare il record di immersione in acque dolci, a 107 metri di profondità. E’ in quella sorgente carsica immersa nel suggestivo bosco di eucalipti, a pochi chilometri da Oliena che Paolo ci lasciva a seguito di un malore in immersione il 27 maggio 2010. A Paolo Costa i gruppi sub hanno dedicato il premio – giunto alla 5^ edizione – che viene assegnato al termine delle immersioni al lago Monticelli.

di Alberto Panzeri


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136