QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Passo Gavia, scarica di sassi su tre escursionisti. Muore 52enne bresciano

sabato, 26 agosto 2017

Passo Gavia – Stavano percorrendo un sentiero che dal Passo Gavia porta in alta quota quando tre escursionisti sono stati colpiti da una scarica di pietre. Un 52enne di Brescia, Marcello Rosa, è morto e altri due compagni dell’escursione – Juri Franchi 41 anni e Cristina Oldrati,  39 anni sempre bresciani – sono rimasti feriti. Sono intervenuti i militari del Sagf (Soccorso alpino della Guardia di Finanza) di Bormio e i tecnici della VII Delegazione di Valtellina e Valchiavenna del Soccorso Alpino, ma per il bresciano ogni tentativo di soccorso è risultato inutile. Il 52enne è morto sul colpo, mentre gli altri due sono stati trasportati all’ospedale di Sondalo.

soccorso alpinoTRAGEDIA

È un bresciano di Castegnato di 52 anni l’alpinista che oggi ha perso la vita nella zona del Gavia. Era con altri due amici escursionisti, un uomo e una donna. Giunti in auto dalla Valle Camonica fino alla zona di Sant’Apollonia, avevano poi risalito in bicicletta la strada che porta al Gavia e a piedi si erano diretti lungo la Normale del Passo. In prossimità di un canale, secondo una dinamica in corso di accertamento, è partita una scarica di pietre e una grossa pietra ha travolto i due alpinisti che si trovavano più in basso. Sono caduti per alcune decine di metri: uno si è fermato in una cengia, l’altro è finito alla base del pendio e non è sopravvissuto alle ferite riportate. Sul posto l’elisoccorso da Sondrio, una decina di tecnici della Stazione di Valfurva del CNSAS Lombardo (Corpo nazionale soccorso alpino e speleologico) e il SAGF – Soccorso alpino Guardia di Finanza. Il medico ha stabilizzato il ferito, che è stato trasportato all’ospedale di Sondalo. La donna, bloccata più in alto, è stata raggiunta dai soccorritori e messa in sicurezza. Il corpo dell’alpinista deceduto è stato recuperato e portato a valle. In questo periodo le temperature superiori alla media hanno compromesso la coesione del terreno e quindi è necessario prestare molta attenzione alle condizioni dei sentieri, che in determinati casi possono presentare rischi superiori rispetto al solito.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136