QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Tragedia al Passo Gavia: il ricordo resta vivo dopo la commemorazione di ieri

lunedì, 21 luglio 2014

Roccette del Gavia –  Rimarrà nella storia la cerimonia che si è tenuta ieri alle Roccette del Gavia. Più di mille persone sono salite per ricordare i 18 alpini morti 60anni fa. Erano presenti tutti i gruppi camuni e alcune delegazioni lombarde.

Sindaco Sandrini

L’organizzazione dell’evento da parte delle penne nere di Precasaglio, Pezzo e Zoanno è stato encomiabile e, nonostante il tempo, in tanti sono saliti per la commemorazione. <Eravamo in tanti – ricordano gli alpini di Precasaglio –  il tempo non ci ha certamente aiutati>.

LA COMMEMORAZIONE

Alla cerimonia erano presenti le autorità, in primis il sindaco di Ponte di Legno, Aurelia Sandrini (nella foto), quindi capogruppo Ana di Precasaglio Abele Casalini e il presidente della sezione Ana Valle Camonica.

Erano presenti tutti i sindaci dell’Alta Valle Camonica con tanto di fascia tricolore e la Messa è stata celebrata dal parroco di Ponte di Legno, don Giuseppe, con accanto i sacerdoti dell’Alta Valle. <Il ricordo di quella tragedia – ha detto don Giuseppe – è ancora impresso nella nostra comunità e quando si  passa da queste parti lo sguardo, prima della galleria, va a quel costone di Rocce dove 60 anni fa si consumò una tragedia immane>.

Alpini gavia 2 (2)

In località Rocce Nere, esattamente 60 anni fa, 18 alpini del battaglione Bolzano persero la vita. Proprio in quel punto si è tenuta la celebrazione: la cerimonia, aperta dal consueto saluto delle autorità e proseguita con la Santa Messa, si è conclusa con un toccante ricordo, con la deposizione di mazzetti di stelle alpine ed il tricolore nel luogo dove i 18 alpini hanno perso la vita. L’azione è stata condotta dal gruppo Alpini di Precasaglio e dal Soccorso alpino, che celebra anch’esso i 60 anni della fondazione proprio quest’anno.

LA STORIA

Erano le dieci del 20 luglio del 1954, lungo la strada – ai tempi sterrata – che da Ponte di Legno sale al Gavia per poi scendere a Santa Caterina Valfurva, a tre chilometri del passo del Gavia, sta passando una colonna di camion del battaglione alpino Bolzano.

Alpini gavia 2 (1)

L’automezzo arranca, procede piano. In una strettoia un muro di sostegno cede sotto il peso, il ciglio della strada frana, uno degli autocarri con a bordo 22 militari al comando del tenente Giorgio Francia precipita nella scarpata profonda 150 metri. Diciotto alpini restano uccisi.

Alpini Ponte di legno Gavia

A 60 anni il ricordo è vivo e lo rimarrà per sempre come dalla toccanti testimonianze di ieri.

Alberto Panzeri


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136