QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad


Ad
Ad

Passi nella neve/3 Stefano Panzeri con “Terra Matta” incanta il pubblico al Corno d’Aola

domenica, 2 agosto 2015

Ponte di Legno – Un Corno d’Aola speciale quello che si è presentato nella tarda mattinata per l’appuntamento “Passi nella Neve” che ha visto salire centinaia di persone vicino al rifugio Petit Pierre per assistere alla performance di Stefano Panzeri, che ha presentato “Terra Matta” l’opera letteraria di Vincenzo Rabito – edizioni Einaudi, produzione Teatro del Buratto. (Foto ©Photo Digital Veclani)

 

Dopo il maltempo di ieri, il tempo ha concesso una giornata di sole e nuvole, decisamente fresca rispetto a qualche giorno fa, e qualche centinaia di persone non hanno voluto mancare all’appuntamento e hanno raggiunto – chi a piedi chi in seggiovia – la zona del Corno d’Aola per il terzo evento di “Passi nella Neve”.

Stefano Panzeri ha presentato “Terra Matta”, il libro da cui è tratto l’omonimo spettacolo, è una straordinaria autobiografia. Vincenzo Rabito, un ragazzo del ’99, l’ha scritta in sette anni, tra il 1968 e il 1975, con una lingua orale, grezza, infarcita di “sicilianismi”.

Un diario personale e al contempo un grande documentario, che restituisce la sensazione di vivere il “dietro le quinte“ di avvenimenti che segnano con la loro importanza la nostra storia. Andrea Camilleri l’ha definito così: “Cinquant’anni di storia italiana patiti e raccontati con straordinaria forza narrativa. Un manuale di sopravvivenza involontario e miracoloso”. La performance di Stefano Panzeri è stata salutata da un lungo applauso.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136