QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Passi nella Neve in Alta Valle Camonica: oltre mille persone a Conca di Casa Madre per Ricky Tognazzi

domenica, 7 agosto 2016

Ponte di Legno – ​Grande successo del secondo appuntamento di “Passi nella Neve” con Ricky Tognazzi che si è tenuto oggi a Costa di Casa Madre, a ​2300​ metri sopra ​Ponte di Legno e il Tonale, con lo sfondo delle trincee e i camminamenti che testimoniano il passaggio e la sofferenza dell’uomo nella tragica esperienza della Prima Guerra Mondiale.passi neve

L’appuntamento di questa mattina, che fa seguito a quello di ieri a Vescasa con Luciano Bertoli, doveva tenersi a Passo Lagoscuro ed è stato spostato per questioni di sicurezza (uno smottamento in quota) alla conca della Baracca delle Fortificazioni di Costa di Casa Madre (foto @Photo Digital Veclani e di Pierangelo Gatteri).

Poco più di mille persone sono salite nella location, unica per la sua collocazione ambientale, ed hanno assistito in un religioso silenzio l’attore, regista e produttore cinematografico protagonista di un reading dal titolo emblematico: Quella cosa grande (o fetente) che è la guerra.tognazzi

L’ATTORE RICKY TOGNAZZI

Redatta da un giovane ufficiale dal nome sconosciuto, questa testimonianza racconta le vicende piccole e allo stesso tempo immani della seconda fase della Grande Guerra, dalle confuse giornate che fecero seguito alla rotta di Caporetto, fino e oltre il termine del conflitto nel 1919.

IMG-20160807-WA0007

Quella cosa grande (o fetente) che è la guerra è anche una ricognizione sugli effetti del primo conflitto globale sulla psiche di un combattente. Si tratta di un curioso approccio alla narrazione bellica: nel testo irrompe una sorta di dimensione mitico-inconscia, con sporadici ma significativi riferimenti alla storia di Pinocchio.

giannini 30

 

La metamorfosi del protagonista della favola di Collodi, letta in una accezione ribaltata e connotata in negativo, manifesta la brutale e alienante (ma talvolta anche grandiosa ed elettrizzante) condizione del combattente attraverso una narrazione moderna, vitale e illuminante.

L’ULTIMO ATTO A VIONE 

giannini 40

Infine, l’undicesima edizione di “Passi nella neve” si concluderà in musica: venerdì 12 agosto alle 21, in piazza Vittoria a Vione, Charlie Cinelli interpreterà Montagna di casa. Uno spettacolo musicale dedicato alla Grande Guerra e alla montagna, in cui azioni belliche (e non) verranno messe in musica in occasione del 50° anniversario della posa della Croce di Cima Bles.

Charlie Cinelli alla chitarra, la fisarmonica di Andrea Bettini, il basso acustico di Roberto Giribardi e il violino di Simone D’Eusanio, omaggeranno le nostre montagne, che meritano rispetto e attenzione poiché sono depositarie della nostra storia e delle vicende di cui, loro malgrado, sono state teatro. Al tema della guerra si affiancherà l’amore per la montagna e la capacità di viverla in modo degno, la descrizione delle camminate con la famiglia o delle gite con gli amici, le canzoni goliardiche intonate intorno alla tavola dopo cena nel rifugio. Durante la serata verrà inoltre presentata Messa Prima, composta appositamente per il concerto su testo di Dino Marino Tognali.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136