QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad

Ad
Ad
Ad

Ad

Comitato Parco dello Stelvio: nominati Ivan Faustinelli di Ponte di Legno e Stefano Tomasi di Vione

martedì, 5 aprile 2016

Ponte di Legno – Nominati i rappresentanti dei Comuni di Ponte di Legno  e Vione (Brescia) nella gestione del Parco dello Stelvio. La nuova governance è stata definita – per la parte lombarda – dal Pirellone. ”Con la delibera approvata oggi, Regione Lombardia ha completato un ulteriore importante passo dell’iter procedurale che ha portato verso l’autonomia gestionale del Parco Nazionale dello Stelvio”. Commenta cosi’ Ugo Parolo (nella foto), sottosegretario di Regione Lombardia con delega alla Politiche per la Montagna e Macroregione alpina (Eusalp), la delibera approvata oggi dalla Giunta regionale, con la quale si  determina, senza oneri a carico del bilancio regionale, la costituzione del Comitato dei Comuni, sui cui territori insiste la parte lombarda del Parco dello Stelvio.

parolo

COMPOSIZIONE DEL COMITATO

Il Comitato, presieduto e convocato dal direttore del Parco, si compone dei sindaci, o loro delegati, di tre Comuni della provincia di Sondrio e di due Comuni della provincia di Brescia e prevede la partecipazione anche di un rappresentante della Giunta regionale. Per la provincia di Sondrio i componenti sono: il sindaco del Comune di Bormio Giuseppe Occhi, Raffaele Cola per il Comune di Valdidentro e il sindaco di Valfurva Angelo Cacciotto. Per la provincia di Brescia fanno parte del Comitato: Ivan Faustinelli per il Comune di Ponte di Legno e Stefano Tomasi per quello di Vione.

COINVOLGIMENTO DIRETTO DEI COMUNI
“Per Regione Lombardia - spiega il sottosegretario – si tratta di una grande responsabilità, ma anche di una autorevole occasione per poter mettere in campo una gestione autonoma della parte lombarda del Parco, coinvolgendo in maniera diretta i Comuni. La gestione unitaria del Parco sara’ tuttavia garantita dal Comitato di coordinamento, il quale elaborerà le linee guida dettate dalle istanze territorio in assoluta conformità  alla normativa nazionale”.

REGIONE-TERRITORIO
“Con la nuova gestione – chiosa Parolo – le funzioni per la parte lombarda del Parco saranno infatti completamente esercitate da Regione Lombardia attraverso il direttore del Parco, il quale si confronterà costantemente con i sindaci che compongono, da oggi, il Comitato dei Comuni”. ”Regione e territorio – conclude il sottosegretario - lavoreranno insieme per gestire in maniera efficiente questa vasta area nel cuore delle Alpi e per promuovere lo sviluppo di un turismo sostenibile e di alta qualità, basato sulla tutela responsabile dell’ambiente”.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136