QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Parco dello Stelvio: Bolzano copre costi della parte lombarda

martedì, 22 dicembre 2015

Bolzano – Nuovo passo in avanti verso la riorganizzazione del Parco nazionale dello Stelvio: l’accordo riguardante il trasferimento di gestione e amministrazione prevede che le due province autonome si facciano carico dei costi della Regione Lombardia per la parte di propria competenza. Oggi (22 dicembre) la Giunta altoatesina ha dato il via libera allo stanziamento di 1,75 milioni di euro.Parco Stelvio

L’iter procedurale per giungere all’assegnazione alla Provincia di Bolzano della parte altoatesina del Parco nazionale dello Stelvio era stato avviato a febbraio con l’accordo fra Governo, Province autonome e Regione Lombardia sul passaggio delle competenze gestionali e di tutela agli enti locali, ed era proseguito lo scorso mese di giugno con la sottoscrizione del protocollo d’intesa che fissava la suddivisione degli oneri di gestione fra Alto Adige e Trentino, nonchè il regolamento transitorio relativo all’amministrazione congiunta del Parco nazionale dello Stelvio. Dopo il via libera della Commissione dei 12 e del Consiglio dei Ministri alle modifiche delle norme di attuazione, giunto nelle scorse settimane, la Giunta provinciale ha incaricato oggi (22 dicembre) il presidente Arno Kompatscher di sottoscrivere l’accordo sull’erogazione dei finanziamenti alla Regione Lombardia per la gestione della parte di loro competenza del Parco.

L’intesa, che verrà firmata anche da Ministero dell’ambiente, Provincia di Trento e Regione Lombardia, prevede che Alto Adige e Trentino coprano spese per un totale di 3,5 milioni di euro. “La somma – ha spiegato il presidente Arno Kompatscher – verrà divisa equamente tra le due province autonome, con un versamento di 1,75 milioni di euro a testa da effettuarsi annualmente entro il 30 marzo. Sino ad oggi, nonostante l’Alto Adige partecipasse alla copertura dei costi, non vi era margine di manovra per quanto riguardava la gestione e l’amministrazione del Parco: grazie alla riorganizzazione giunta ormai in dirittura d’arrivo vi sarà maggiore autonomia relativamente alla porzione di territorio di competenza altoatesina”.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136