QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Orsi in Trentino: le analisi genetiche del centro di Ispra confermano la buona salute dei due cuccioli di Daniza

giovedì, 21 maggio 2015

Val Rendena – Sono vivi entrambi i giovani di orsi di Daniza. La conferma arriva dalle analisi genetiche di Ispra. Sono vivi entrambi i giovani orsi di Daniza. La conferma genetica della presenza di entrambi gli orsi, che hanno ormai circa 16 mesi di età ed un peso stimato tra i 40-60 chili. è arrivata in questi giorni da ISPRA – L’Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale. L’accertamento è stato reso possibile dall’assiduo monitoraggio messo in campo dal Corpo Forestale Trentino che ha consentito di raccogliere abbastanza campioni per consentire il successo delle analisi genetiche.orso cuccioli

ACCERTAMENTI

I due giovani hanno svernato regolarmente: si sono infatti ritirati per circa quattro mesi, da metà novembre 2014 a metà marzo 2015 e hanno ripreso la loro attività nel corso della primavera. Le previsioni espresse lo scorso anno dagli esperti della Provincia autonoma di Trento, come pure da esperti internazionali, sono state dunque confermate: le immagini raccolte con fototrappola confermano l’ottimo stato di forma dei due giovani orsi.

In questo periodo dell’anno anche gli altri giovani orsi nati nel 2014 vengono abbandonati dalle madri e intraprendono dunque la nuova fase di vita da soli; questo è il periodo forse più delicato della loro vita. Si ribadisce a questo proposito l’importanza di non favorire in alcun modo l’avvicinamento ai giovani orsi né, tanto meno, di offrire loro del cibo. E’ un’attività assolutamente inopportuna e vietata dalla legge. Soprattutto in questa fase della loro vita è estremamente importante che essi mantengano la naturale diffidenza nei confronti dell’uomo per massimizzare le loro possibilità di sopravvivenza.

Va infine segnalato che la stagione 2015 sembra essere assai positiva per quel che riguarda il numero di nuove cucciolate osservate. Sarebbero infatti 6-7 quelle attualmente monitorate, e circa 12 i nuovi cuccioli, fermo restando che anche in questo caso ogni bilancio definitivo è rinviato alla conferma genetica che potrà essere acquisita nel corso della stagione.

IL CASO M 25 IN VALLE CAMONICA

L’orso che ha scorrazzato a inizio maggio in alta Valle Camonica, predando un’asina e facendosi anche immortalare dalle telecamere durante le sue scorribande notturne, non è M25, il giovane plantigrado scomparso dal 29 marzo. Da quel giorno il suo radiocollare non emette alcun segnale. La consapevolezza e le conoscenze dei tecnici della Polizia provinciale di Brescia e Sondrio avevano escluso che potesse essere riuscito a strapparsi il collare da solo e a perderlo. Poi a Monno e Incudine venne uccisa un’asina e i campioni di pelo raccolti sul posto e altre tracce inviati all’Ispra ( come avvenuto per i figli di Daniza)  è stato escluso che si trattasse di M25.  Adesso serpeggia l’ipotesi che l’orso M 25 fosse stato ucciso.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136