QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Operazione “Plastic Bag”, la Finanza denuncia per bancarotta 6 persone. Nei guai due camuni

lunedì, 26 settembre 2016

Brescia – I militari del Nucleo di Polizia Tributaria della Guardia di Finanza di Brescia, dopo aver eseguito perquisizioni domiciliari e bancarie, hanno concluso le indagini nei confronti di sei  persone, responsabili di reati fallimentari. L’attività investigativa, intrapresa nel gennaio 2016, è scaturita da approfondimenti riguardanti il fallimento di una società bresciana operante nel settore dell’import/export di materiale plastico.

Finanza 117 -1

Le attività poste in essere dalla fiamme giallehanno coinvolto 8 persone, di cui 6 denunciati, e sono state sviluppate sia tramite l’analisi della documentazione contabile della società sia con l’effettuazione di accertamenti e sopralluoghi presso i luoghi adibiti a deposito di merce.

L’indagine svolta ha permesso di evidenziare responsabilità penali per reati di bancarotta fraudolenta patrimoniale e documentale aggravata nei confronti dell’amministratore di diritto e di fatto della società fallita e delle altre persone che hanno rappresentato e gestito le imprese che si sono inserite nel sistema fraudolento.

Nello specifico, gli amministratori della società fallita, mediante la connivenza anche dei responsabili di due società di spedizioni della Valle Camonica, una delle quali successivamente dichiarata fallita, hanno prima acquistato ingenti quantitativi di granuli per materie plastiche per poi simularne la vendita. In particolare, tra i “clienti destinatari finali” sono risultate una società con sede in Repubblica Ceca (rappresentata da un soggetto svedese) e una (rappresentata da un soggetto bresciano) con sede in Inghilterra le quali, dopo aver ricevuto la merce, non corrispondevano alcun pagamento per l’acquisto. In sintesi, tutto il materiale plastico ottenuto dai fornitori è stato ceduto “in nero” a destinatari sconosciuti.

Tale “meccanismo fraudolento e distrattivo” ha così consentito di “svuotare” di risorse economiche e patrimoniali la società oggetto di accertamento, con conseguente danno ai creditori.

L’intera indagine, condotta sotto la costante direzione della locale Procura della Repubblica, ha permesso di ricostruire distrazioni patrimoniali pari a una somma complessiva di circa 3,5 milioni di euro.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136