QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad

Ad
Ad
Ad

Ad

Ono: fratellini morti prima dell’incendio, forse avvelenati. Sabato i funerali

giovedì, 18 luglio 2013

Ono San Pietro- Erano già morti Davide e Andrea, i due fratellini di 12 e 9 anni, quando le fiamme hanno avvolto il letto in cui dormivano. E’ questo l’esito dell’autopsia eseguita agli Spedali Civili di Brescia  sui corpi di Davide e Andrea Iacovone, i due fratellini morti martedì mattina a Ono San Pietro. Dalla Procura trapela che “i due fratellini non erano in condizioni di reagire al fumo”, quindi erano o narcotizzati oppure già morti. Sarà l’indagine a chiarire quanto successo nella villetta di Ono San Pietro tra le 9 e le 10 di martedì scorso.autobotte-vigili-del-fuoco

L’autopsia ha escluso che il fumo sia stata la causa della morte dei piccoli.Nei polmoni dei due bambini infatti è stata trovata una quantità di fumo tale da escludere che lo stesso possa essere considerato la causa di morte. Ciò significa che Davide e Andrea avrebbero cessato di vivere prima dello sprigionarsi delle fiamme e per motivi non legati all’incendio. L’ipotesi è quella dell’avvelenamento, non ci sono segni di violenza sul corpo.

Intanto il padre Pasquale Iacovone, che lotta tra la vita e la morte nel reparto dei grandi ustionati dell’ospedale di Padova. La sua posizione rispetto alla morte dei figli rischia seriamente di aggravarsi. I funerali verranno celebrati sabato pomeriggio alle 15.

Leggi anche
-> le parole dell’avvocato della madre dei fratellini
->i dettagli della vicenda

 


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136