QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad


Ad
Ad

Omicidio Niardo/2 Le indagini sul delitto e l’arresto di Tullio Lanfranchi. Il ricordo della vittima

sabato, 18 aprile 2015

Niardo – E’ stato arrestato dai carabinieri della Compagnia di Breno e si trova nel carcere di Brescia Tullio Lanfranchi, il 60enne che ieri sera ha accoltellato moglie e figlia. La moglie Gloria Trematerra (nella foto sotto) è morta, la figlia Alice invece è ricoverata in ospedale, ma non è in pericolo di vita.

I carabinieri – con alla guida il maggiore Salvatore Malvaso – hanno ricostruito quanto accaduto poco prima delle 21 di ieri nell’abitazione di via Nazionale al civico 15 dove è avvenuto l’omiciGloria Trematerradio.

La vittima – Gloria Trematerra, 54 anni, originaria di Napoli, professoressa di Inglese al Liceo Golgi di Breno –  aveva avviato la pratica per la separazione e si era trasferita con i due figli in un’abitazione protetta, perché in passato era già stata oggetto di minacce dal marito. Ieri sera l’ennesima lite degenerata in tragedia.

L’inchiesta

Dopo aver sferrato le coltellate a moglie e figlia, Tullio Lanfranchi ha chiamato i vicini dicendo “Ho ammazzato mia moglie, chiamate il 118″.

All’arrivo dei soccorritori nell’abitazione (nella foto accanto i militari davanti alla casa dove è avvenuto l’omicidio) c’era una scena devastante con figlia e mNiadro luogo omicidiooglie a terra in una lago di sangue. Sul posto anche il pm  di turno Carlo Pappalardo, oltre alla Scientifica e al Maggiore Salvatore Malvaso. Dopo aver ricostruito la tragedia i militari hanno  arrestato l’uomo. Il pm Pappalardo sta acquisendo tutti gli elementi  e la ricostruzione dei carabinieri della Compagnia di Breno in vista dell’interrogatorio di convalida.

Il paese

Gli abitanti di Niardo si interrogano sull’ennesimo femminicidio. Pochi erano a conoscenza della situazione della famiglia Lanfranchi con il marito che aveva perso il lavoro e la moglie che aveva deciso di separarsi. Il sindaco Carlo Sacristani era a conoscenza della  crisi familiare e dei maltrattamenti e minacce che la moglie subiva.

Liceo Golgi di Breno

Stupiti docenti e studenti del liceo di Breno dove Gloria Tremeterra insegnava Inglese. La professoressa, originaria di Napoli, era molto apprezzata e oggi i colleghi erano in lacrime. “Non ci voglio credere”, è stato il commento. “Mi hanno avvertito nella notte della tragedia – prosegue un operatore scolastico del Golgi – e non sono riuscito a dormire”.

Tanti i messaggi anche per Alice dove è stata raggiunta anche sul suo profilo Facebook con messaggi. “Forza coraggio Alice, tieni duro”.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136