QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Nuova Newco Anas e Regione con Province lombarde per gestire 1500 km di strade

venerdì, 10 marzo 2017

Milano – Questa mattina, presso Palazzo Lombardia, il Presidente della Regione Roberto Maroni  e il Presidente di Anas Gianni Vittorio Armani e, per adesione, il Presidente dell’Unione delle province lombarde Pier Luigi Mottinelli hanno firmato un Protocollo di intesa per avviare il trasferimento e la gestione ad una nuova Società compartecipata da Anas e Regione di oltre 1.500 km di strade che saranno classificate come Nuova Rete Regionale (circa 740 km) e in parte come Nuova Rete Statale (circa 850 km).

sLa nuova Società avrà le funzioni di progettazione, costruzione, manutenzione, gestione nonché di riscossione delle sanzioni, relativamente alla rete stradale oggetto del Protocollo. Saranno altresì valutati i presupposti e le modalità per il coinvolgimento delle Province lombarde nel processo di efficientamento della gestione delle reti stradali comprese nel Protocollo.

Il provvedimento rientra nell’ambito del generale processo di riordino, avviato dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, della rete stradale di interesse nazionale e di semplificazione amministrativa, che prevede il rientro, nel patrimonio stradale nazionale, di una parte delle rete a suo tempo trasferita a Regioni ed enti locali.

m2“Il protocollo firmato oggi - ha affermato il Presidente di Anas, Gianni Vittorio Armani – fa parte del piano avviato dall’Azienda per il riordino di circa 6.250 km di ex strade statali sull’intero territorio nazionale da riclassificare come ‘di interesse Statale’. Questo consentirà di ampliare la gestione della rete stradale incrementando l’efficienza nella manutenzione delle infrastrutture e migliorando la già ottima collaborazione di Anas con la Regione Lombardia”.

Entro un mese dalla sottoscrizione del Protocollo, Anas e Regione Lombardia si impegnano a costituire un apposito gruppo di lavoro con il compito di valutare i profili giuridici della nuova Società. Con analoga tempistica i firmatari si impegnano altresì a costituire un secondo Gruppo di lavoro Anas – Regione Lombardia, con il compito di valutare, anche attraverso il coinvolgimento delle Province lombarde e del Ministero delle Infrastrutture, i profili tecnico – economici relativi alla consistenza della rete oggetto del Protocollo, ai reciproci impegni di investimento, tenuto conto degli interventi e finanziamenti effettuati da Regione sulla rete stradale, ai livelli di servizio ed ai contenuti dei relativi contratti di servizio/programma.

m3L’obiettivo è quello di giungere all’operatività della nuova società entro il 2017.

TRASPORTI ECCEZIONALI, SORTE: “SEMPLIFICHIAMO ITER PER OTTENERE AUTORIZZAZIONI”

Semplificare l’iter per il rilascio dell’autorizzazione al passaggio su determinate strade dei trasporti eccezionali. E’ questo l’obiettivo della proposta inserita nel Progetto di Legge sulla Semplificazione che ha predisposto l’assessore regionale alle Infrastrutture e Mobilita’, Alessandro Sorte. E’ un contributo verso lo sblocco della situazione che tiene fermo, ormai da settimane, il trasporto eccezionale.

Il nuovo Testo prevede che gli Enti proprietari delle strade (Province, Comuni, ecc..) pubblichino sul loro sito istituzionale la cartografia o gli elenchi delle strade di competenza percorribili dai veicoli eccezionali, con l’indicazione dei limiti di percorribilita’, assicurando tuttavia la piena funzionalita’ della rete stradale ed il mantenimento di adeguati livelli di manutenzione e sicurezza. La pubblicazione degli elaborati sostituisce i nulla osta e i pareri da acquisire per il rilascio delle autorizzazioni.

Il Progetto di Legge, una volta approvato dalla Giunta e dal Consiglio regionale, consentira’ alle Province di procedere in tempi rapidi, al rilascio delle autorizzazioni senza dover acquisire il parere di tutti i Comuni che si trovano lungo il tracciato percorso dal trasporto eccezionale.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136