QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Mortirolo, commemorazione nella chiesetta di San Giacomo e accordo tra Ecomuseo della Resistenza e MIUR

domenica, 3 settembre 2017

Monno – Un appuntamento sentito da camuni e non, che oggi sono saliti al Mortirolo per ricordare la tradizionale cerimonia e ricordare il carabiniere Luigi Tosetti. Erano presenti monsignor Tino Clementi, il presidente della Provincia di Brescia, Pierluigi Mottinelli, i sindaci di Monno, Roberto Trotti, e di Edolo, Luca Masneri, quindi il responsabile del MIUR di Brescia, Mario Maviglia, Roberto Tagliani, vicepresidente nazionale della F.I.V.L., i comandanti delle stazioni dei carabinieri di Edolo e Vezza d’Oglio, Fiamme Verdi, Ecomuseo della Resistenza, camuni e valtellinesi che hanno commemorato le battaglie sul Mortirolo (Nelle foto alcuni momenti della cerimonia).

Come ogni anno, l’Associazione “Fiamme Verdi” di Brescia, aderente alla F.I.V.L. (Federazione Italiana Volontari della Libertà), invita alla commemorazione delle Battaglie del Mortirolo, consumatesi tra il febbraio e il maggio 1945, nello scenario del passo alpino, dove 200 partigiani della divisione FF.VV. “Tito Speri” si opposero a oltre 2000 militi della G.N.R. “Tagliamento””, supportati da forze tedesche.

La manifestazione si è svolta presso la chiesetta di San Giacomo in Mortirolo, nel comune di Monno (Brescia): alle 9.30 il ritrovo, alle 10.15 la Messa celebrata da monsignor Tino Clementi e alle 10.45 l’intervento delle autorità, in particolare delle Fiamme Verdi, quindi il discorso ufficiale pronunciato dal presidente della Provincia, Pierluigi Mottinelli.

Poi la cerimonia al cippo che ricorda il carabinieri Luigi Tosetti nato a Lama di Mocogno (Modena) il 14 marzo 1900. Sposato con quattro figli, dall’ottobre 1941 divenne comandante della stazione dei carabinieri di Edolo. Dopo l’8 settembre, in contatto coi partigiani della zona, collaborò informando le formazioni di intenzioni, azioni e rastrellamenti dei fascisti, favorendo la fuga dei renitenti alla leva di Salò. Nominato comandante del gruppo C11 delle Fiamme Verdi, Tosetti partecipò all’occupazione di Ponte di Lgno del settembre 1944 e alla prima battaglia del Mortirolo, infliggendo perdite ingenti alla legione repubblichina “Tagliamento”. Il 19 marzo 1945, mentre tornava da una delicata missione al passo dell’Aprica, saltò in aria a causa di una granata che teneva nello zaino. È stato insignito della medaglia d’argento al valor militare alla memoria.

Al termine della mattinata è stato sottoscritto il protocollo d’intesa tra il responsabile dell’Ecomuseo della Resistenza e il responsabile provinciale del MIUR per attivare collaborazioni didattiche in provincia di Brescia.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136