QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Frana Pian Camuno: l’assessore Beccalossi annuncia piano di interventi

sabato, 14 dicembre 2013

Pian Camuno – “Sono 16,7 i milioni di euro stanziati da Regione Lombardia per intervenire con 47 opere, necessarie alla manutenzione dei corsi d’acqua e alla difesa del suolo dei bacini. Un lavoro di pianificazione assolutamente necessario, per tutelare i centri abitati, le popolazioni e le attività economiche del territorio”. Lo ha detto l’assessore regionale al Territorio, Urbanistica e Difesa del suolo Viviana Beccalossi, che si è recata a Pian Camuno per visitare una delle aree soggette agli interventi previsti nel Programma triennale reso operativo dalla Regione. All’incontro hanno preso parte il sindaco di Pian Camuno, Renato Pé, il vicesindaco Giorgio Ramazzina, il consigliere provinciale Diego Invernici e il geologo Luca Albertelli.

Beccalossi a Pian  Camuno12

MANUTENZIONE SUOLO

Al Comune bresciano sono stati assegnati fondi per 250.000 euro, necessari alla realizzazione di interventi di manutenzione idraulica e monitoraggio di una frana in località Roncaglia e Pelucco. La frana, molto ampia, rende instabile l’area a monte e sovrasta inoltre due corsi d’acqua che destabilizzano il versante. Per controllare l’evoluzione dei fenomeni franosi è  stato realizzato un sistema di monitoraggio del versante, consistente in 18 punti di rilevamento, e si rende inoltre necessaria una manutenzione diffusa delle opere idrauliche, dei canali e dei fossi esistenti per realizzare nuove opere di drenaggio. E’ inoltre essenziale riattivare il sistema di monitoraggio geologico per un periodo stimato in due anni, al fine di avere n controllo continuo dell’evoluzione del fenomeno franoso.

DIFESA DEL TERRITORIO

“Queste opere – ha sottolineato l’assessore Viviana Beccalossi – fanno parte di un ampia serie di azioni con le quali Regione Lombardia intende difendere il territorio. In questo contesto, non si può non ricordare le parole del capo della Protezione civile Franco Gabrielli, che, solo pochi giorni fa, ha ricordato come, tra fondi europei e nazionali stanziati per la messa in sicurezza del dissesto idrogeologico, sono stati messi a disposizione in Italia, negli ultimi anni, 2,5 miliardi di euro, dei quali sono stati spesi ‘solo’ 400 milioni, e come,
dei 600 milioni a disposizione delle Regioni con singoli Accordi di programma, ci sono Regioni che hanno speso lo 0,1 per cento
dei fondi spettanti”.

RACCOLTA DATI VALLE CAMONICA

Nel corso del suo intervento l’assessore ha inoltre ricordato una serie di interventi specifici in atto sul territorio della Valle Camonica. Proprio in queste settimane, infatti, sta terminando la raccolta dei dati, per radiografare a livello idraulico e idrogeologico l’area di bacino della valle, che rappresenta il primo esperimento del genere, per mettere a disposizione di tutti gli Enti locali dati aggiornati, precisi e soprattutto condivisi da tutti. ”Stiamo inoltre valutando – ha concluso l’assessore Beccalossi - in vista delle azioni dei prossimi anni, di coinvolgere Ersaf, l’Ente regionale per i servizi all’agricoltura e alle foreste, come punto di raccordo con tutti gli attori presenti sul territorio per realizzare un progetto molto ambizioso, che possa mettere a sistema le conoscenze, sia in campo idrogeologico che ambientale, con la qualità dell’aria e dell’acqua”.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136