QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Milk World Day: i sindaci di Edolo, Incudine e Malonno al fianco degli allevatori camuni

martedì, 31 maggio 2016

Edolo – I sindaci di Edolo, Incudine e Malonno hanno partecipato all’appuntamento nazionale in occasione del Milk World Day celebrato dalla Fao in tutto il mondo. A Milano sono arrivati centinaia gli allevatori e gli imprenditori agricoli scesi con diversi pullman da tutte le zone delle valli, compresa dalla Valle Camonica, insieme alle migliaia di partecipanti all’evento (Nella foto sotto i sindaci Serini, Masneri e Gelmi) .

Sindaci Edolo- Incud.-Malonno 1

Gli allevatori dopo proteste che si protraevano da anni hanno ottenuto l’obbligatorietà dell’etichettatura d’origine per il latte. Cosa succederà dopo il provvedimento? Il via libera all’obbligo di indicare in etichetta la provenienza del latte e dei derivati come formaggi o yogurt è rivoluzionario e risponde innanzitutto alle esigenze di trasparenza degli italiani che secondo la consultazione pubblica online del Ministero dell’agricoltura in più di 9 casi su 10 – sottolinea il presidente nazionale di Coldiretti Roberto Moncalvo – considerano molto importante che l’etichetta riporti il Paese d’origine del latte fresco (95%) e dei prodotti lattiero-caseari quali yogurt e formaggi (90,84%), mentre per oltre il 76% lo è per il latte a lunga conservazione.

“Un risultato che – rimarcano alla Coldiretti bresciana  - giunge a undici anni esatti dall’introduzione dell’obbligo di indicare l’origine per il latte fresco fortemente voluto dalla Coldiretti anche per sostenere i consumi di un alimento fondamentale nella dieta degli italiani. Con l’etichettatura di origine si dice finalmente basta all’inganno del falso Made in Italy.

Tre cartoni di latte a lunga conservazione su quattro, venduti in Italia, sono stranieri, mentre la metà delle mozzarelle sono fatte con latte o addirittura cagliate provenienti dall’estero, ma nessuno lo sa, perché fino ad oggi, non era obbligatorio riportarlo in etichetta.

Al fianco degli allevatori camuni c’erano i tre sindaci di Edolo, Luca Masneri, Incudine, Bruno Serini, e Malonno, Stefano Gelmi, che sono da sempre al fianco degli allevatori camuni, per tutelare l’attività produzione.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136