QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Melaverde chiude la stagione in Valle Camonica, alla scoperta dei prodotti e delle tradizioni di Corteno Golgi

lunedì, 11 aprile 2016

Corteno Golgi – L’ultima puntata di Melaverde sarà su Corteno Golgi (Brescia). Domenica prossima andrà in onda l’ultima puntata dal titolo: “Una valle da Nobel –  Corteno Golgi”.raspelli corteno

VAL DI CORTENO PROTAGONISTA
Sarà un viaggio “speciale” quello capitanato da Edoardo Raspelli: al centro della nuova puntata di Melaverde “la Val di Corteno”. 10 frazioni nel comune di Corteno Golgi (in provincia di Brescia) disseminate lungo la valle e sui pendii delle montagne che conducono alle alte vette delle Alpi Orobie.

Un territorio per certi versi ancora integro, dove, tra l’altro, sorge anche la prima Riserva Naturale Regionale istituita in Lombardia, la Riserva delle Valli di Sant’Antonio. Un viaggio nell’alta valle Camonica (al confine con la Valtellina e la provincia di Sondrio) che ci farà scoprire il legame forte, fatto di conoscenza e rispetto, che unisce i cortenesi al loro territorio, vissuto e addomesticato nell’arco di secoli di duro lavoro.

Si scoprirà tante storie legate alla scelte di molti giovani di rimanere sul territorio e continuare le vecchie tradizioni, per tutelarlo e valorizzarlo. Si parlerà della pecora di Corteno, razza a rischio di estinzione, allevata ancora con il sistema antico del pascolo semi nomade. Si entrerà in un vecchio mulino dove ancora si macina la farina di mais e di segale per tutto il paese. Si vedrà come nasce il pane di segale, realizzato come un tempo in uno dei forni casalinghi ancora funzionante in una delle case della valle. Si parlerà delle tipicità gastronomiche del territorio: il “cuz”, un particolarissimo stufato di pecora, la torta di latte, la “Casatta”, formaggio dop ancora realizzato con il metodo tradizionale, il salame di Corteno, vera specialità della valle, prodotto dalla sapienza degli storici norcini di Corteno Golgi.

Corteno Golgi, il comune che unisce le varie frazioni della valle, fino al 1956 si chiamava solo Corteno. In quell’anno, ha assunto nel suo nome anche il cognome del personaggio più famoso nato in valle, Camillo Golgi, che nel 1906 fu il primo premio Nobel italiano . Si conoscerà la sua storia.raspelli trupe corteno

Da Edoardo Raspelli un grazie speciale è andato all’ideatore Giacomo Tiraboschi, che da sempre crede nelle piccole realtà montane che lavorano sodo per portare avanti le tradizioni, all’amico Oscar Taboni, ad Elena Tiraboschi direttrice di produzione, all’autore Luca Valenti, al registra il “Maestro” Giancarlo Valenti, i ragazzi della Troupe, al Comune e alla Pro Loco di Corteno Golgi.

REPLICHE
La puntata verrà trasmessa in replica sabato 23 aprile 2016 nei seguenti orari:
· alle ore 10.50 su Mediaset Extra
· alle ore 10.50 su Canale Mediaset Italia
· alle ore 15.50 su Canale Mediaset America
· alle ore 00.50 su Canale Mediaset Australia

TEMPO DI BILANCI: LE PROSSIME DATE DI MELAVERDE
Quella di Domenica 17 aprile alle 11.50 sarà la ventinovesima ed ultima puntata dell’ edizione numero 18 su Canale 5 di “Melaverde”, il programma di punta del day-time delle Reti Mediaset, giunto alla puntata numero 535.

L’edizione numero 19 riprenderà domenica 18 settembre mentre da domenica 24 aprile andranno in onda come di consueto Le Storie di Melaverde che ci faranno rivedere le cose più belle di tutti questi anni in cui Melaverde è andata in onda.

Tempo di bilanci, quindi: a testimoniare il successo di Melaverde, i risultati raccolti, con una media che supera i 2 milioni di telespettatori a puntata e uno share del 18%. Nata da un’idea dell’agronomo Giacomo Tiraboschi, Melaverde ha debuttato il 20 settembre 1998 sugli schermi di Retequattro, diventando in breve tempo uno dei programmi più seguiti della domenica targata Mediaset. Segreto del suo successo sono le straordinarie meraviglie della penisola italiana con i suoi piccoli, inimitabili tesori fatti di tradizione ed ingegno, di amore e devozione per mestieri antichi e nuovi. Il tutto sapientemente ripreso dalle telecamere del programma e dai commenti dei conduttori, che – in modo approfondito- espongono i temi trattati con semplicità e un pizzico di buonumore.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136