QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Malonno, trovato sotto casa il bruco ‘Sfinge testa di morto’

venerdì, 16 agosto 2013

Malonno- In settimana in Valle Camonica, a Moscio, frazione di Malonno, è stato ritrovato un esemplare di bruco che diventerà un’ Acherontia atropos, la sfinge testa di morto, comparsa tra gli altri anche nel film Il silenzio degli innocenti. Lungo oltre 10 centimetri, il bruco ha una circonferenza di 12 e diametro poco meno di 3 centimetri.foto valle camonica

Gli esperti hanno attribuito il nome ‘Sfinge testa di morto’ per due motivi: la capacità della falena di sollevare la parte anteriore del corpo assumendo una posizione che assomiglia delle sfingi antiche, il resto dell’espressione è riferito al fatto per cui sul lato dorsale del torace spicca una macchia biancastra, con due puntini neri, che ricorda la forma di un teschio. Solitamente questa specie si riproduce in Africa, per poi migrare in Europa e al nord nel periodo estivo. Il ritrovamento in Italia è un fatto inedito. Il bruco non rientra nella casistica degli animali velenosi.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136