QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad

Ad

Ad
Ad

Ad
Ad

Ad

Malonno, tracciato il bilancio del quinquennio. Il sindaco Gelmi: “Mi ricandido”

giovedì, 16 febbraio 2017

Malonno – Il bilancio sul mandato amministrativo e la decisione di riproporsi alle elezioni della prossima primavera. Il sindaco di Malonno (Brescia), Stefano Gelmi, la Giunta e i consiglieri comunali di maggioranza torneranno in campo e cercheranno di conquistare i consensi dei cittadini e amministrare per altri cinque anni il paese della Valle Camonica.

Cinque anni fa la contesa era stata tra due liste, in primavera quando si tornerà alle urne per rinnovare l’Amministrazione comunale potrebbe esserci solo una lista e quindi sarà determinante il quorum (il voto di almeno il 50%+1 degli aventi diritto). In questi giorni le voci si rincorrono, a Malonno parte del gruppo di minoranza non si riproporrà, potrebbe nascere una nuova lista per sfidare la formazione capitanata da Stefano Gelmi (nella foto a lato).

gelmi-malonno0

Sindaco Gelmi è pronto per la nuova sfida?

“Certamente. Negli scorsi giorni ho rotto gli indugi, con il gruppo di maggioranza abbiamo tracciato il bilancio e posto le basi per ripresentarci alle prossime elezioni. E in quest’ottica posso già dirle che ripresenteremo la medesima squadra. Diciamo che la squadra che vince non si tocca, anzi si ripresenta con un nuovo progetto per il paese”.

E’ già possibile tracciare il bilancio del quinquennio?

“Si. Abbiamo cercato – pur con un bilancio limitato e sempre più ridotto – di far fronte a tutte le esigenze e attraverso il bando “6mila Campanili” abbiamo ottenuto un finanziamento di 910 mila euro ed effettuato due importanti interventi: il primo con la realizzazione di marciapiedi, illuminazione, parcheggi e arredo urbano, compresa la sistemazione di un prato che costeggia la statale 42 e lambisce piazza Repubblica, trasformata in un’area ricreativa; il secondo con la sistemazione delle vie IV Novembre, Matteotti e Torre e il collegamento con la frazione Lava”.

E su altri fronti?

“L’attività amministrativa è stata orientata su tutti i settori, tenendo presente che abbiamo effettuato interventi su strutture pubbliche, quindi sulle strade e sono ben 8o i chilometri di strada comunale, poi le opere sulle frazioni che abbiamo sempre tenuto in considerazione, per arrivare alle scuole e alle iniziative rivolte ai giovani”.

Un forte investimento sul territorio?

“Diciamo che nell’arco del quinquennio sono stati destinati a opere pubbliche con fondi propri del Comune più di 6 milioni e abbiamo cercato di migliorare il volto del paese. La nostra attività è stata bipartisan, ho cercato di essere il sindaco di tutti, in un’ottica di bene comune”.

Un progetto che le è particolarmente a cuore?

“In anni di crisi, dove quotidianamente ci sono persone che bussano alle porte del municipio, l’azione più rilevante è aver tenuto aperto i riflettori sulla questione sociale, dei giovani, delle persone in difficoltà o senza lavoro e degli anziani e qui il merito va all’assessore Laura Rocca, che personalmente ringrazio, per essere stata attenta ad ogni singolo problema e aver tenuto unito il tessuto sociale della nostra comunità. E forse questa è stata la nostra arma vincente in  questo quinquennio”.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136