QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Malonno, il caso semaforo tiene ancora banco e adesso si aspetta un parere dall’Anas

mercoledì, 11 febbraio 2015

Malonno – Il caso semaforo tiene ancora banco e le polemiche con scambio di lettere tra il presidente di Adamello Ski, Mario Bezzi e il sindaco di Malonno, Stefano Gelmi, potrebbero aver altri seguiti.

Infatti la soluzione è ancora lontana. La richiesta avanzata dall’Alta Valle e dagli operatori di limitare i disagi agli automobilisti in transito nel week end ha avuto accoglienza solo nella giornata di domenica 1 febbraio. Dal municipio di Malonno trapela che si stanno cercando soluzioni che vadano bene tutti. In paese – ricorMalonno semaforodano sempre dal municipio – erano state avanzate richieste dopo i numerosi incidenti mortali e la soluzione è stata acconsentita anche da Anas, che gestisce la statale 42. L’Alta Valle chiede però di non avere ripercussioni sul traffico e di non arrecare disagi agli automobilisti e ai turisti in transito.

Nelle ultime tre domeniche la situazione è stata questa: 25 gennaio semaforo acceso con code chilometriche; 1 febbraio semaforo lampeggiante con traffico scorrevole e senza gravi disagi, domenica 8 febbraio semaforo funzionante con però una temporizzazione del verde più lungo e intervento a chiamata per chi dal centro di  Malonno e dalle frazioni si doveva immettere sulla statale. Il traffico ha avuto solo qualche ripercussione.

Ora il Comune e in primis il sindaco Stefano Gelmi devono prendere una decisione su quel semaforo e tener conto delle necessità di tutti quindi della Valle Camonica. Il banco di prova saranno i prossimi weekend del carnevale.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136