QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Malonno: semaforo lampeggiante e agente sulla statale 42. Il sindaco Gelmi: “Ecco la soluzione”

venerdì, 29 gennaio 2016

Malonno – Intesa trovata? Domenica pomeriggio – negli orari di punta – il semaforo sulla statale 42 a Malonno sarà lampeggiante. Dopo le polemiche delle ultime settimane, il sindaco di Malonno, Stefano Gelmi, in accordo con i coleghi dell’Alta Valle Camonica, ha trovato un’intesa, sentendo anche le forze dell’ordine. “Quando ci sarà un elevato flusso d’auto – spiega il primo cittadino di Malonno – il semaforo sarà lampeggiante, però in loco ci sarà un agente delle forze dell’ordine (Polizia locale oppure Polizia Stradale o carabinieri ndr.) per eventuali necessità“.

Il documento dell’Unione dei Comuni dell’Alta Valle Camonica, presieduta da Roberto Menici, aveva sollevato il problema dopo due domeniche di lunghe code sulla statale 42. “Ci sono di problemi oggettivi – afferma Gelmi - da un lato la sicurezza e l’incolumità dei cittadini di Malonno e dall’altro le esigenze turistiche dell’Alta Valle. Abbiamo così trovato un’intesa che soddisfi entrambe le posizioni: al pomeriggio dei giorni festivi il semaforo sarà lampeggiante“.

code malonno

Fino a tre anni fa non c’era il semaforo sulla statale 42 a Malonno, poi a seguito di numerose vittime e feriti in incidenti, quindi per garantire la sicurezza, l’Amministrazione guidata da Stefano Gelmi ha ottenuto l’installazione del semaforo. “Il nostro obiettivo – prosegue il sindaco di Malonno – è la sicurezza di residenti e turisti”. Dunque semaforo lampeggiante al posto che rosso/verde (quest’anno non era accaduto a parte in casi eccezionali) e l’impiego delle forze dell’ordine.

Il semaforo – già lo scorso anno – aveva creato problemi con lunghe code al rientro delle giornate festive per l’elevato flusso d’auto e negli ultimi due weekend la situazione si è aggravata, col serpentone d’auto che ha raggiunto (nella ore pomeridiane della domenica) Sonico e anche Edolo.

Adesso – dopo gli incontri  tra sindaci e sentite le forze dell’ordine – è stata individuata una soluzione che potrebbe andar bene a tutti, forse, dopo le infuocate polemiche delle ultime settimane. Nel weekend la prova verità.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136