QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad


Ad
Ad

Adamello, malga Salarno: torna il rito della tosatura delle pecore. Il programma del weekend

venerdì, 28 agosto 2015

Saviore - Ancora una volta protagoniste, le malghe dell’Adamello, testimoni silenziose delle millenarie attività zootecniche alpine che in queste valli da secoli l’uomo conduce, ancora una volta interprete Malga Salarno con “Il rito della tosatura delle pecore”, attività promossa dall’Associazione Uomo e Territorio Pro Natura – in collaborazione con il Parco dell’Adamello – e dedicata a questi straordinari laboratori di “sostenibilità” ad alta quota. L’evento è in programma domenica 30 agosto.

Un’esperienza non convenzionale, non più almeno, eppure un rito millenario: la tosaturatransumanza pecore delle pecore prima di abbandonare i pascoli estivi. In questo senso le malghe, oggi come ieri, rappresentano un ideale punto di incontro tra attività economiche sostenibili e conservazione della biodiversità, tra sviluppo del turismo naturalistico e salvaguardia delle risorse naturali, culturali ed identitarie, giocando un ruolo strategico nella gestione del delicato, complesso e talvolta estremo ambiente alpino.

La Val Salarno è accessibile dall’abitato di Saviore dell’Adamello, proseguendo poi verso la località Fabrezza dove si lascia l’auto in un comodo parcheggio dal quale si prosegue a piedi. Seguendo il segnavia 14 si raggiunge il lago di Salarno dopo un’escursione di circa 90 minuti di cammino attraversando prima boschi di latifoglie e poi di abete rosso, per poi raggiungere ampi pascoli. Si prosegue dopo il lago e dopo pochi minuti si giunge in vista del lago di Dosazzo. Qui troviamo Malga Salarno gestita dai giovanissimi titolari dell’Azienda Agricola Pagaola di Saviore dell’Adamello.

IL PROGRAMMA DOMENICA 30 AGOSTO

Ore 9 inizio della tosatura che si protrarrà fino ad aver tosato tutte le pecore che hanno passato l’estate a pascolare le praterie alpine della ValSalarno

ore 10 sarà possibile accompagnare Francesca durante la lavorazione del latte per la produzione della tipica “Formaggella della Val Saviore”;

A partire da mezzogiorno assaggi di prodotti d’alpeggio (formaggio nostrano, formaggella, ricotta fresca o affumicata, taleggio), con la possibilità di pranzare presso la malga con prodotti a km 0.

Addentrandosi poi nella vallata non sarà difficile imbattersi nella ricca fauna della Val Salarno e si potranno osservare Stambecco, Camoscio, Aquila reale. Pranzo: presso Malga Salarno oppure presso il rifugio Prudenzini (a carico dei partecipanti).  Attività a partecipazione libera e gratuita.

Per informazioni e prenotazioni contattare il Centro Faunistico del Parco dell’Adamello, gestito dall’Associazione Uomo e Territorio Pro Natura Ente gestore con il contributo del Parco dell’Adamello e del Comune di Paspardo.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136