QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad


Ad
Ad

L’Orso M25 segnalato sulle Orobie valtellinesi al confine con la Valle Camonica

venerdì, 27 giugno 2014

Valbelviso – L’orso M25 si è spostato in Valtellina. Dopo il Trentino e la Svizzera, ecco spuntare il segnale di M25 sulle Orobie. Un mese fa era stato segnalato in Alta Valtellina e in Svizzera. Negli ultimi giorni, M25, dotato di radiocollare che permette la sua individuazione e localizzazione, dalla Valbelviso si è spostato, almeno così indicava nelle ultime 48 ore il segnale radio, in località Campei a circa mille di quota, in territorio di Albosaggia.

PREMANA = FERMI IMMAGINE DELL' ORSO BRUNO TRATTI DA RIPRESE VIDEO REALIZZATE DALLA POLIZIA PROVINCIALE E DAL CORPO FORESTALE DELLO STATO IN LOCALITA' ACQUADASCIO

L’orso M25, due anni e mezzo, maschio, si è molto probabilmente rimesso in viaggio dato che continua a spostarsi anche con rapidità facendo molta strada: dopo aver lasciato il Trentino si era spinto fino in Austria via Livigno-Zernez. Ai primi del mese scorso era poi rientrato in Valtellina scendendo dal passo del Bernina facendo più volte la spola tra la Valtellina e la Val Poschiavo, predando alcuni asini, uno dei quali, ironia della sorte, era di proprietà del presidente dell’ “Associazione per un territorio senza grandi predatori”. Quindi M25 ha scollinato di nuovo passando dalle Retiche alle Orobie. Per alcuni giorni si era fermato sul confine con la Valle Camonica ma ora è stato individuato nei boschi sopra Albosaggia. Nel frattempo non ha più predato animali, soprattutto non ha più attaccato asini, animali miti e indifesi di cui sembra sia particolarmente ghiotto. Gli agenti della polizia provinciale oltre ai funzionari dell’ufficio caccia e pesca stanno adoperandosi per seguire da vicino gli spostamenti di M25. Due giorni fa dalla Valle dei Forni alcuni alpeggiatori avrebbero notato un plantigrado. 


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136