QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

L’orso M25 distrugge gregge di pecore in Valtellina. Allarme anche in Valle Camonica e sulle Orobie

lunedì, 13 ottobre 2014

Aprica – Una settimana fa in Valle Camonica, pochi giorni fa sulle Orobie, ora in Valtellina. L’orso lascia le sue tracce in diversi territori montani. Secondo le guardie venatorie si tratterebbe di M25, l’orso che da tempo si aggira tra Valtellina, Val Poschiavo, Valli Bresciane e Orobie.

PREMANA = FERMI IMMAGINE DELL' ORSO BRUNO TRATTI DA RIPRESE VIDEO REALIZZATE DALLA POLIZIA PROVINCIALE E DAL CORPO FORESTALE DELLO STATO IN LOCALITA' ACQUADASCIO

L’ultimo caso è accaduto sul versante valtellinese, tra Tirano e la costa di Aprica dove sono state sbranate quattro pecore. Gli allevatori sono in rivolta dopo i recenti episodi: le lamentele sono arrivate da contadini e associazioni della Valle Camonica, di Aprica, Piateda e di Tirano.

“Tutti gli anni – dicono – ci chiedono di tenere falciati i prati – sostengono gli allevatori – ma non sempre questo è possibile, quindi spesso portiamo in quota pecore e asini che ci danno una mano a tenere puliti la zona degli alpeggi, ma poi accadono episodi di questo genere ed è sconfortante”.

Gli stessi allevatori chiedono maggior tutela e la possibilità di intervenire a difesa dei propri pascoli. E nelle valli lombarde si ripropone la questione di salvaguardia dei pascoli, una querelle simile a quella accaduta poche settimane fa in Trentino.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136