QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Lombardia, Rolfi (Lega Nord): “Il Burundi offre treni più confortevoli dei nostri, legittima class action contro Trenord”

lunedì, 20 luglio 2015

Brescia – “È inaccettabile, oltre il limite della vergogna, che nel 2015, in un Paese che si definisce civile, si stipino i pendolari su treni privi di aria condizionata nella settimana più calda degli ultimi 50 anni. Date le premesse è certo che persino il Burundi offra un servizio migliore rispetto a Trenord.” Così Fabio Rolfi, vice capogruppo regionale della Lega Nord, in merito ai disagi di questi giorni sui treni regionali.trenord_r3_009_2011

“In queste settimane – prosegue Rolfi – data la situazione climatica di eccezionale gravità, la qualità del servizio appare totalmente inaccettabile. Ogni giorno infatti, sull’affollatissima tratta Brescia-Milano, apprendo di malori e svenimenti di pendolari abbonati, che hanno pagato per un servizio ai limiti della sopportabilità, causati dalle eccessive temperature dovute all’assenza del climatizzatore.”

“Trenord intervenga immediatamente ponendo fine a questo scandalo, acceleri il cambiamento dei vagoni, metta l’aria condizionata o almeno si faccia carico di implementare personale medico a bordo dei treni maggiormente trafficati. Se questo non dovesse accadere riterrei assolutamente legittima, anzi doverosa, una class action da parte dei pendolari, finalizzata ad ottenere un equo rimborso per i numerosi disagi subiti.”


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136