QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad

Ad

Ad
Ad

Ad
Ad

Ad

Lo scrittore camuno Raffaini di nuovo protagonista su Rai Tre

domenica, 23 febbraio 2014

Berzo Demo – Lo scrittore Lorenzo Raffaini ancora protagonista, oggi alle 22.30, su Rai Tre riprenderà il programma per aspiranti scrittori Masterpiece, sarà ospite Roberto Vecchioni e lo scrittore camuno lancerà un messaggio anche di ringraziamento ai suoi fan. Lo scrittore di Malonno, 42 anni, ha partecipato negli scorsi mesi al talent tv “Masterpiece” con il romanzo autobiografico “Amo troppo la vita per riuscire a viverla”.lorenzo-raffaini-2

CURRICULUM
Dipendente di una ditta metalmeccanica,originario di Malonno, vive in provincia di Brescia con la moglie e i quattro figli. Tra i suoi autori preferiti, Herman Hesse e Charles Bukowski.

IL ROMANZO

Di matrice autobiografica, il romanzo racconta la storia di un ragazzo – figlio di genitori separati – che senza nemmeno accorgersene finisce per perdersi nella droga. La narrazione ripercorre dolorosamente una vita fatta di furti, botte e carcere. E sarà proprio dietro le sbarre che il protagonista riuscirà a riflettere su quello che gli è successo, e cominciare a vivere davvero. Il libro, “Amo troppo la vita per riuscire a viverla” è un romanzo autobiografico, in cui un bambino normalissimo arriva per colpa della droga a compiere atti spregevoli. Continua evidenziando gli aspetti psicologici di tutto il percorso, fino a guarire, costruirsi una famiglia ed arrivare ad essere dall’altra parte della barricata, da genitore, con le paure che tutti i genitori hanno quando i figli si affacciano all’adolescenza. E’ un libro forte, con episodi duri, è psicologico, è sociale, ma contiene anche molte avventure e curiosità che “inchiodano” il lettore e nel finale è pure un saggio dove ci sono due capitoli di cui uno dedicato ai ragazzi ed uno ai genitori. Chi lo ha letto ne è entusiasta. E’ un romanzo che andrebbe bene anche nelle scuole, perché evidenzia come una persona può arrivare ad esserne due, una brutta per colpa della droga e compie atti miserabili e una bella perché è padrone dei suoi sentimenti e che per questo arriva a costruirsi una realtà vera e solida, ormai più nemmeno sognata.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136