QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Escursioni consigliate /6 Il rifugio Garibaldi nella conca del Venerocolo

domenica, 19 luglio 2015

Temù – L’escursione consigliata odierna è al rifugio Garibaldi, situato nella conca del Venerocolo a quota 2548 metri. In questa giornata viene proposta l’escursione storica sui luoghi della battaglie della Grande Guerra.

L’escursione prevede la salita al rifugio in mattinata, alle 11 la Santa Messa e al termine l’intervento sulle battaglie, in particolare l’attacco austriaco del 15 luglio 1915 al rifugio Garibaldi.

Il rifugio venne costruito nel 1894, con grande sforzo della Sezione Cai. Fu realizzato anche per spirito patriottico degli alpinisti italiani per non essere meno degli alpinisti austriaci , che avevano costruito il rifugio Mandrone.

Sentiero Fiori 1

Il nome Garibaldi fu scelto per ricordare lo scontro avvenuto a Vezza d’ Oglio il 4 luglio 1866 tra austriaci e garibaldini, conclusosi sfortunatamente per questi ultimi. Durante la prima guerra mondiale il rifugio fu trasformato nell’ infermeria Carcano, che faceva parte di un grosso complesso militare costruito nella zona. Il vecchio rifugio rimase attivo fino al 1958, quando venne sommerso dalle acque del lago nato dalla costruzione della nuova diga.

Nel 1959 venne inaugurato l’ attuale rifugio costruito dall’ ENEL in sostituzione del più  “storico” vecchio rifugio. Le via di accesso sono tre, quella più seguita è dalla valle dell’Avio di Temù con il sentiero 3. Ci sono poi le possibilità di traversate al rifugio “Caduti dell’Adamello”, al rifugio “Città di Trento” e al rifugio Tonolini.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136