QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Le canzoni della Grande Guerra a Breno in uno spettacolo per ‘Dallo Sciamano allo Showman’

mercoledì, 8 ottobre 2014

Breno - L’ottobre di “Dallo Sciamano allo Showman” si apre a Breno al Palazzo della Cultura venerdì 10 alle 21.00 con “A dirlo non son buono, mi proverò a cantar”, un singolare e affascinante reading-concerto sulla grande guerra a cura del giornalista Enrico de Angelis.da sx rachele tosco,ilaria peretti e giovanna peretti

Nel centenario della Grande Guerra verranno rievocate in parole e in musica le canzoni in voga tra il 1914 e il 1918. Non le canzoni che parlano di guerra, ma quelle che comunque nascevano e si cantavano in quegli anni: gli ultimi fuochi del morente café-chantant, le prime canzoni in lingua italiana sorte dalle ceneri dell’ottocentesca romanza da salotto, in sintesi le produzioni innovative e brillanti dei primi cantautori – se così li possiamo chiamare – come Armando Gill, Ettore Petrolini e Raffaele Viviani. Canzoni ormai dimenticate o ignote ai più, difficilmente reperibili altrove, ma dal grandissimo interesse socio-culturale oltreché artistico.

In scena, in un piacevole alternarsi di musica e racconto, un istrionico Enrico de Angelis pronto a introdurci nel contesto storico-politico e nella musica di quegli anni, in contraltare con la cantante Ilaria Peretti che, con il giusto abbinamento di doti canore e presenza scenica, ben rappresenta il teatro di varietà degli anni ’10, mai dimentica dell’interazione col pubblico. A supportare le due voci portanti una squadra di musicisti sensibili e ispirati.

Ilaria Peretti – voce
Alberto Misuri – chitarra
Ernesto da Silva – percussioni
Giovanna Peretti e Rachele Tosco – cori
Enrico de Angelis – voce narrante

L’ingresso è gratuito.

Il Festival “Dallo Sciamano allo Showman”, con la direzione artistica di Nini Giacomelli, è promosso dal CCTC – Centro Culturale Teatro Camuno e dal Club Tenco con il contributo di Regione Lombardia – Istruzione, Formazione e Cultura, Provincia di Brescia – Assessorato Cultura e Turismo, Provincia di Brescia – Assessorato alla Pubblica Istruzione, Comunità Montana di Valle Camonica, BIM di Valle Camonica, Comune di Breno, Comune di Borno, Comune di Darfo Boario Terme, Comune di Edolo, Comune di Malegno, Comune di Paspardo, Comune di Pisogne, Comune di Sellero, Arte Rupestre della Valle Camonica Sito Unesco n.94, Valle Camonica – La Valle dei Segni, Distretto Culturale di Valle Camonica, Fondazione della Comunità Bresciana. Gli sponsor ufficiali: Forge Fedriga, Hotel Sorriso, Willy Racing Car. In collaborazione con: Schiribis snc – Percorsi culturali e comunicazione, Libreria Puntoacapo, Discostory, Proloco Giovani Darfo Boario Terme, Amici del teatro, E20 Malegno, Circolo Culturale La Gazza. Le Targhe del Festival sono realizzate dall’artista Silvia Angeloni. La conduzione delle serate è affidata a Bibi Bertelli.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136