QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad


Ad
Ad

Lavoratori camuni e la Fiom Valcamonica-Sebino alla manifestazione di Milano

venerdì, 14 novembre 2014

Breno – Un gruppo di lavoratori camuni ha raggiunto Milano e partecipato al corteo e alla manifestazione in piazza Duomo, Presente anche il neo segretario Barbara Distaso, eletta lunedì scorsa segretario della Fiom Cgil Valcamonica Sebino. Migliaia di persone hanno sfilato nel giorno dello sciopero sociale dei comitati di base contro la politica del governo e quella europea. I cortei e i trasporti a singhiozzo hanno provocato disagi ovunque.

A Milano il segretario generale della Fiom, Maurizio Landini, e quello della Cgil, Susanna Camusso, hanno aperto il corteo della Fiom partito da Porta Venezia e conclusosi in piazza Duomo.

“Questa piazza non è solo quella della rivendicazione dei diritti nel mondo del lavoro, ma un presidio della democrazia”, hanno detto.  Siamo al settimo anno di crfiom Valcamonica a Milanoisi economica e sociale l’Italia permane dentro una condizione drammatica, e la recessione significa un impoverimento reale per milioni di famiglie dei ceti medi e popolari. Il segretario della Fiom dal palco del Duomo ribadisce: “Non ci fermiamo, andiamo fino in fondo. La mediazione sul jobs act è una presa in giro”. Maurizio Landini ha ribadito che “qualcuno frequenta persone che spendono mille euro per una cena, è una perdita del senso della realtà. E gli dobbiamo dire che a noi i mille euro servono per campare un mese”.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136