QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

L’Assl della montagna cambierà il volto della sanità in Valle Camonica e Valtellina

venerdì, 2 gennaio 2015

Edolo – Quale futuro per la sanità camuna? E’ l’interrogativo che si pongono gli abitanti della Valle Camonica dopo le decisioni della Regione Lombardia sul sistema sanitario. Le ipotesi di declassamento degli ospedali di Edolo e Esine-Valle Camonica sono stati per il momento scongiurati e nel corso di quest’anno saranno messi a regime i piani di integrazione dei servizi. La riforma – secondo il disegno di legge depositato al Pirellone e che dovrà essere approvato – scatterà dal 2016.Ospedale di Edolo

L’ipotesi di creare l’Assl (Azienda Socio Sanitaria Locale) della Montagna ( che comprenderà anche la Valtellina quindi gli ospedali della provincia di Sondrio) dovrà trovare una conferma. Il punto fermo rimane quello di mantenere gli attuali presidi ospedalieri con gli attuali servizi. In tal senso si sono espressi i rappresentanti della commissione regionale sanità della Lega Nord, che ai primi di dicembre avevano fatto tappa a Edolo, raccogliendo le istanze dei residenti e del sindaco di Edolo Luca Masneri, che avevano chiesto di mantenere gli attuali ospedali della Valle Camonica. Ora si guarda all’Asl della Montagna e il presidente della conferenza dei sindaci dell’Asl Valle Camonica- Sebino, Fiorino Fenini, ha espresso un giudizio favorevole per il disegno di legge regionale sul sistema socio sanitario lombardo.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136