QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad


Ad
Ad

L’arrivo dei podisti e la cerimonia di gemellaggio tra Ponte di Legno e Recco in piazza XXVII settembre. Foto

domenica, 29 marzo 2015

Ponte di Legno –  Il gemellaggio tra Recco  e Ponte di Legno è al momento più importante, quello dello scambio nel segno della pace. E le palme sono il simbolo, il suggello dell’amicizia iniziata 59 anni fa e che ogni domenica delle Palme viene rinnovata tra la città ligure e la comunità dalignese.

In mattinata nell’atrio della scuola elementare c’è stata la distribuzione e benedizione delle palme, quindi la processione fino alla chiesa parrocchiale dove alle 11 è stata celebrata la Santa Messa.

Erano presenti le autorità, il sindaco di Recco, Dario Capurro, e il primo cittadino di Ponte di Legno, Aurelia Sandrini, quindi le forze dell’ordine, le associazioni dell’Alta Valle Camonica. “E’ una giornata importante per le due realtà – è il commento dei due primi cittadini – dove si rinnova l’amicizia.  Ci incontriamo nel nome della pace”.

Era il 1956 quando nacque l’idea e in questo 59 anni ci sono stati ge

Ponte di Legno recco 2015sti importanti con incontri e iniziative sia in terra camuna che in Liguria.

GLI EVENTI

Nel weekend è stato rinsaldato il legame ed il gemellaggio tra Recco e Ponte di Legno. Dopo gli incontri della mattinata alle elementari con la consegna delle palme, simbolo di pace nella mattinata di venerdì, ieri pomeriggio in piazza XXVII Settembre è arrivata la  staffetta dei podisti della Pubblica Assistenza Croce Verde di Recco e Gruppo sportivo Dalignese che hanno percorso i 347 chilometri che separano le due località. In piazza c’è stata la festa, mentre i due sindaci Aurelia Sandrini e e Dario Capurro, con accanto il sindaco dei ragazzi hanno illustrato l’iniziative nel segno della pace.  In sefesta ponte di legno reccorata al Palazzetto dello sport a Ponte di Legno intrattenimento musicale e l’assaggio della tipica focaccia di Recco. All’evento ha collaborato il gruppo Ana di Ponte di Legno.

LA  STORIA
Il gemellaggio Recco-Ponte di Legno è rinnovato per la 59^ volta con grande entusiasmo dei dalignesi e dei liguri (nella foto sotto il gruppo dei podisti in piazza a Ponte di Legno).

Un legame che ha origini lontane: nel 1956 Recco stava riprendendo la veste di una località moderna, cercando di dimenticare il dramma della guerra che l’aveva travolta.

La maggior parte dei suoi cittadini erano rientrati nelle caPodisti Ponte di Legno - reccose ricostruite, e quelli con l’età giusta avevano ripreso a lavorare a Genova.

Erano ancora molti quelli che avevano scelto la via del mare sulle navi di una flotta che aumentava il proprio tonnellaggio anno dopo anno. Iniziavano anche i primi tentativi di inserire Recco in un circuito turistico che iniziava a muoversi in tutt’Italia. Accanto alla rinascita dell’Albergo Elena, cui si aggiunsero numerose piccole pensioni, della Pro loco, dell’invenzione di una sagra tipica quale sarà la Festa della Focaccia, si era dato a vita a ricchi Natali Recchesi, sorse il gemellaggio con la cittadina alpestre di Ponte di Legno, ai piedi del Tonale e dell’Adamello, in provincia di Brescia. L’iniziativa nata nel 1956 e dura da ben  59 anni e la conferma arriva dagli eventi promossi in questo week end.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136