QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad

Ad
Ad
Ad

Ad

La Valle Camonica raccontata da Raspelli nella trasmissione Melaverde

domenica, 16 febbraio 2014

Ponte di Legno – Le bellezze, le attrattive  e  le principali attività dell’Alta Valle Camonica sono state al centro della puntata odierna di “Melaverde”, il programma televisivo su Canale 5  dedicato ad agricoltura, ambiente e tradizioni italiane, condotto da Edoardo Raspelli ed Ellen Hidding.

I due padroni di casa, Edoardo Raspelli e Ellen Hidding,  hanno presentato tutte le bellezze del territorio camuno, ricco di attrattive turistiche (dal Parco dell’Adamello, a Ponte di Legno al Passo Tonale) e di prodotti enogastronomici, l’ olio di oliva e i formaggi , in particolare la mascherpa, una deliziosa ricotta prodotta dal siero di latte.  Sono stati intervistati Mario Bezzi, presidente della Sit, la società che gestisce gli impianti, quindi i maestri di sci di Ponte di Legno  e Passo Tonale, e della scuola di fondo.

Il  colpo d’occhio eccezionale sul Tonale, ma anche nella zona della Valbione e Corno d’Aola: il turismo la principale risorsa dell’Alta valle, nelle sue sfaccettature. In particolare l’offerta di aree fitness e di Spa, lo stesso Edoardo Raspelli ha fatto ingresso in uno delle nuovissime strutture. Poi ha fatto riferimento alla tradizione, soprattutto all’attività rurale e alla lavorazione del formaggio con la riscoperta del Silter, uno dei formaggi più apprezzati della Valle CaRaspellimonica.

Sono state poi intervistati Corrado Tomasi, consigliere regionale e i dirigenti dell’impianto di teleriscaldamento dal confine tra Ponte di Legno e Pontagna, con un riferimento all’ecosostenibilità del turismo. In particolare il teleriscaldamento e le mini centraline idroelettriche tra Ponte di legno e Temù. Al termine una panoramica  sulla Valle Camonica, una delle valli più estese delle Alpi centrali nella Lombardia Orientale, con il riferimento ai camuni che hanno lasciato incisioni rupestri talmente preziose da far sì che l’Unesco, la annoveri nel prestigioso elenco dei siti mondiali, un patrimonio dell’Umanità.

 


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136