QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad


Ad
Ad

La Coldiretti fa la conta dei danni della grandine in Valle Camonica e Bresciano

venerdì, 10 luglio 2015

Darfo Boario – Dopo quella dei giorni scorsi, la Coldiretti fa la conta dei danni della grandine all’agricoltura. Il monitoraggio effettuato dagli uffici di Coldiretti sul territorio, indica un totale di 32 grandinate in poco più di 60 giorni.

“Ogni fenomeno – spiega la Coldiretti Lombardia – ha una propria storia, una propria evoluzione e conseguenze diverse”.

Nel Bresciano quattro episodi violenti sono avvenuti tutti in una decina di giorni fra l’8 e il 19 giugno: la prima ha colpito la bassa Valle Camonica nel comune di Darfo Boario Terme dove ha distrutto serre e le colture in pieno campo e nella notte un’altra ha investito la Franciacorta fra Erbusco e Rovato, dove e’ stato colpito il 20% dei vigneti e fra Palazzolo e Pontoglio dove sono stati coinvolti anchegrandine Val di Non i campi di mais. Il 17 giugno e’ toccato ai comuni di Paderno e di Passirano interessato mentre due giorni dopo una violenta grandinata ha colpito Lonato del Garda, Centenaro e Madonna della Scoperta, proseguendo poi verso Desenzano, Solferino e Cavriana.

“La grandine – conclude la Coldiretti Lombardia – non ha una diffusione ad ampio spettro come puo’ essere la pioggia, ma  arriva all’improvviso, si concentra su una fascia di territorio e poi sparisce, lasciando magari in cielo il sole e a terra i danni”.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136