QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Iseo: storico accordo tra i presidenti delle Province di Brescia, Bergamo, Cremona e Mantova

sabato, 16 gennaio 2016

Iseo – Un accordo storico che rientra nel piano di riordino degli enti locali, in particolare delle Province. L’idea è creare una macroprovincia orientale della Lombardia tra Brescia, Bergamo, Cremona e Mantova, con una popolazione di oltre 3 milioni di persone.

L’intesa tra i quattro presidenti (Pierluigi Mottinelli -Brescia, Matteo Rossi – Bergamo; Carlo Vezzini – Cremona e Alessandro Pastacci – Mantova)  è sviluppare forme di collaborazione stabile per l’esercizio delle funzioni di area vasta.

Istituita un’apposita Cabina di Regia con l’obiettivo di attuare nei tempi e modalità da concordare, i servizi associati in forma unitaria rivolti a cittadini e imprese per il raggiungimento di maggiori efficienza ed efficacia gestionali volte alla valorizzazione delle autonomie funzionali. La Cabina di Regia si avvale, per gli aspetti tecnici e di carattere gestionale, di un Tavolo Tecnico composto da dirigenti e funzionari appositamente individuati da ciascuna Provincia.

Iseo firma accordo

Nelle premesse del documento, le province di Bergamo, Brescia, Cremona e Mantova, riconoscono elementi di omogeneità dei rispettivi territori, intesi come Ambiti Geografici, di riconosciuta identità geografica. Ci sono inoltre molti elementi di sintesi delle relazioni intercorrenti tra la natura fisica del paesaggio e le attività antropiche (fisiche, relazionali, identitarie), che potranno giustificare in prospettiva l’individuazione di partizioni territoriali utili per l’attuazione di politiche integrate di Governo del Territorio (ambiente e paesaggio).

“Le novità legislative richiamate – si legge nell’accordo sottoscritto a Iseo – giustificano l’opportunità di individuare forme collaborative di esercizio delle funzioni di area vasta, nell’interesse dei rispettivi territori, cittadini, comunità ed imprese, garantendo, con la gestione in forma unitaria delle stesse, una maggior efficacia d’intervento, nel pieno rispetto del principio di sussidiarietà richiamato anche dalla legge 56/2014”.

Province nord est

Tra i servizi per cui viene attivata una forma sovraprovinciale di collaborazione, spiccano: supporto giuridico-amministrativo e assistenza tecnica nella definizione di modelli e forme collaborative di gestione associata dei servizi comunali, percorsi di accompagnamento per la progettazione di forme di aggregazione stabile fra i Comuni, Unioni di Comuni, Comunità Montane, assistenza tecnico-amministrativa per lo sviluppo o il potenziamento di servizi di comunicazione quali URP, sportelli al cittadino, sportelli telematici; assistenza tecnico-amministrativa e consulenza giuridica su ambiti qualificati dal punto di vista delle competenze professionali interne alle Province, nelle seguenti aree tematiche: amministrazione del personale, gestione finanziaria, controlli interni, servizi di ufficio tecnico, gestione del patrimonio, edilizia scolastica, viabilità, programmazione territoriale e infrastrutturale e servizi di progettazione e gestione delle ICT (Tecnologie della Informazione e Comunicazione); servizio informativo statistico a carattere sovra-provinciale; progetti di innovazione tecnologica, digitalizzazione ed efficientamento degli strumenti dell’ICT in dotazione agli enti e al territorio della macro area, sviluppo e diffusione della connessione a banda larga sull’area territoriale omogenea.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136