QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Iniziative per la Prima Guerra Mondiale, l’assessore regionale Cappellini: “Pronti 350mila euro”

mercoledì, 22 ottobre 2014

Temù – Attenzione agli eventi culturali e alle manifestazioni per ricordare la Prima Guerra Mondiale. Il Museo della Guerra Bianca di Temù, al pari di altri luoghi della Valtellina e delle zone alpine, simbolo di quell’epoca, saranno al centro di un progetto. “Regione Lombardia ha voluto prendere parte alle attività di promozione e valorizzazione del patrimonio storico, materiale e immateriale, della Prima Guerra mondiale in Lombardia, finanziando una serie di iniziative e progetti con 350mila euro”. Sono le parole dell’assessore alle Culture, Identità e Autonomie della Lombardia, Cristina Cappellini, intervenendo alla cerimonia di Commemorazione del Centenario della Prima Guerra mondiale, insieme al presidente del Consiglio regionale Raffaele Cattaneo.

LEGGE REGIONALE PER COMMEMORAZIONE

L’assessore ha anche ricordato che, proprio per sottolineare l’impegno della Giunta lombarda su questo tema, con l’approvazione della Legge regionale 25 febbraio 2014 n. 12, sono state approvate le momuseo guerra bianca pontedifiche e le integrazioni alla legge regionale 28/2008 con l’obiettivo di adeguare l’impianto normativo al periodo di commemorazione del centenario.

AL LAVORO I COMITATI REGIONALE E SCIENTIFICO

“Come prima iniziativa attuativa di questa legge regionale, il presidente Maroni – ha continuato l’assessore Cappellini – ha istituito il Comitato regionale per le commemorazioni del centenario della Prima guerra in Lombardia.

La Giunta ha poi deliberato le modalità di funzionamento del Comitato scientifico, che ha come compito, tra gli altri, di supportare le attività del Comitato regionale”. Il Comitato scientifico è stato istituito dall’assessore Cappellini lo scorso 24 settembre e si insedierà entro il mese di ottobre.

ASCOLTO DEL TERRITORIO

L’assessore regionale ha poi riepilogato le principali attività del Comitato regionale, tra cui l’audizione dei soggetti più significativi e impegnati sulla materia presenti sul territorio, la mappatura sia degli Enti e  soggetti attivi, sia delle iniziative già definite e in parte avviate nei diversi ambiti territoriali di riferimento e in ambito nazionale, la pubblicazione sul sito della Direzione generale Culture, Identità e Autonomie degli eventi organizzati per ricordare la Prima Guerra mondiale e i documenti.

PROGETTI PER CELEBRARE PRIMA GUERRA MONDIALE

Inoltre, entro il 20 novembre, gli Enti locali, con anche i Parchi (singoli o associati), le università, gli istituti di ricerca, gli istituti scolastici, i musei, le associazioni culturali senza fine di lucro, le fondazioni, le associazioni d’arma e reduci potranno presentare progetti relativi a una serie di iniziative, quali: ricognizione, catalogazione, studi e ricerche; manutenzione, restauro e conservazione; conoscenza degli eventi storici del territorio alpino anche attraverso attività didattiche ed educative nelle scuole e nelle università; preservazione degli aspetti paesaggistici e culturali riconducibili alla Prima Guerra mondiale; messa in rete dei soggetti pubblici e privati che operano a vario titolo sul tema, con l’obiettivo di unire le risorse disponibili.

Gli interessati possono presentare le proposte secondo le modalità indicate nel Bollettino Ufficiale della Regione
Lombardia (Burl) del 13 ottobre 2014. I progetti saranno realizzati nel biennio 2014-2015.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136