QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad

Ad

Ad
Ad

Ad
Ad

Ad

Indagini a tutto campo della Forestale sul cane ucciso al Passo Crocedomini

mercoledì, 30 luglio 2014

Breno – Indagini a tutto campo del Corpo Forestale per  risalire agli autori del terribile e crudele gesto, quello di aver ucciso con un bastone e una pietra un cane di media taglia. Gli accertamenti per risalire alle tre persone stanno proseguendo e un alpeggiatore sarebbe già stato invitato a presentarsi in caserma per alcune informazioni. I militari intendono andare fino in fondo e risalire agli autori dell’uccisione di un cane di taglia media, un meticcio di colore nero e  marrone, nei pressi del Passo Crocedomini. Un episodio accaduto il 18 luglio scorso e – come ha riportato  il quotidiano Bresciaoggi – documentata da una serie di fotografie da un escursionista. La scena è avvenuta sulle montagne sopra Breno (Brescia) davanti agli occhi di un bambino. Molto probabilmente – ma quest’ipotesi è al vaglio delle forze dell’ordine – i due adulti erano nella zona dell’alpeggio con mucche al pascolo quando hanno preso di mira il cane di taglia media, e hanno iniziato ha infierire prima a bastonate, quindi – dopo quasi mezz’ora di agonia – con un masso che gli ha schiacciato la testa. Una scena raccapricciante notata e documentata dall’escursionista.  Adesso spetta alle forze dell’ordine far luce su questo episodio e gli autori rischiano di essere accusati del reato di maltrattamenti, crudeltà e uccisione di animali, con il rischio di una pena da 3 a 18 mesi.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136