QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad

Ad

Ad
Ad

Ad
Ad

Ad

Incudine, nuova rotonda sulla Statale 42 del Tonale: approvato accordo di programma tra Provincia di Brescia e Comune

martedì, 5 dicembre 2017

Incudine – Approvato l’Accordo di Programma tra la Provincia di Brescia e il Comune di Incudine per la realizzazione di una nuova intersezione a circolazione rotatoria lungo la Strada Statale 42 del Tonale e della Mendola. Il sindaco Bruno Serini e il presidente della Provincia, Pierluigi Mottinelli, hanno firmato l’accordo che segue quello che interessa la Provinciale 294 a Paisco Loveno. Il primo cittadino della località camuna ha ricordato la pericolosità della strada, teatro di numerosi incidenti, che hanno reso prioritario l’intervento che segue quelli di riqualifica e ammodernamento lungo tratti della SS42 in variante nei Comuni di Ceto, Capo di Ponte, Sellero, Cedegolo e Berzo Demo.

firmaLungo il tratto di S.S. 42 in Comune di Incudine ANAS intende riqualificare un’intersezione a raso, non più idonea per una viabilità extraurbana secondaria, mediante la realizzazione di nuova rotatoria. Costo complessivo dell’opera: 700mila euro.

“La Provincia – ha dichiarato il Consigliere delegato ai Lavori Pubblici Antonio Bazzani e il Consigliere delegato ai Rapporti tra la Provincia, le Comunità Montane e gli altri organi territoriali montani, Gianpiero Bressanelli – comparteciperà alle spese necessarie alla realizzazione dell’opera con un importo pari a 30mila euro. Si tratta di un’opera strategica che permetterà al traffico di scorrere in sicurezza e di accedere più facilmente alle infrastrutture turistico alberghiere della zona”.

“La nuova rotatoria – ha dichiarato Bruno Serini, sindaco di Incudine – risolverà il problema del traffico e della messa in sicurezza di quel tratto di strada che porta in paese, ma sarà utile per l’intera alta Valle. Ringrazio il Presidente Mottinelli, i Consiglieri Bazzani e Bressanelli per l’attenzione che hanno riservato al nostro paese. Entrando in paese abbiamo una strada stretta e trafficata che oltre a bloccare il traffico è molto pericolosa. Messa in sicurezza e anche per la viabilità dell’alta valle, non solo per Incudine”.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136