QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Incendio in una palazzina di Piamborno: l’intervento dei vigili del fuoco evita il peggio

lunedì, 9 febbraio 2015

Piamborno – Attimi di paura stamani – attorno alle 8 – a Piamborno in via Fiume al civico 4, dove in un condominio di sei appartamenti è scoppiato un incendio in un box al piano terra. Dentro era parcheggiata una Wolkswagen maggiolone bianca con targa bosniaca, di proprietà dell’inquilino che abita al piano superiore. A quell’ora l’uomo stava lavorando al computer: nell’appartamento con lui la figlioletta di soli 6 mesi che stava dormendo.

L’uomo ha sentito un botto e quindi ha iniziato a vedere fumo salire dal vano scale e dall’esterno della casa. Immediato l’allarme ai Vigili del fuoco che si sono recati sul posto con una squadra, mentre dall’ospedale di Esine è giunta l’automedica in previsione che la piccola potesse avere qualche problema.Vigili del fuoco

La mamma era già uscita per recarsi al lavoro e la piccola sarebbe stata portata all’asilo nido dal papà poco dopo le 8. Una volta appurato che la bambina stava bene, l’automedica ha fatto rientro mentre i vigili del fuoco hanno continuato l’azione di spegnimento dell’incendio e di messa in sicurezza del locali che sono rimasti fortemente danneggiati dal fumo sprigionatosi dall’incendio di materiale vario stoccato nel box, tra cui anche plastica e oggetti in materiale composito.

Dentro il box era custodita anche una bombola di gas e due piccole bombole per roulotte che, fortunatamente, sono state portate all’esterno prima che il calore potesse provocare il loro scoppio. Sul posto si è recata anche una pattuglia di carabinieri di Piancogno per i rilievi di legge, mentre i vigili del fuoco hanno completato l’azione di bonifica dei locali dell’appartamento e sistemazione del materiale.

L’incendio potrebbe essere partito da un corto circuito dei cavi elettrici del box dove, secondo la testimonianza dell’inquilino, c’era anche acqua fuoriuscita dalla perdita della caldaia del riscaldamento. Molto spavento e qualche preoccupazione tra gli inquilini degli altri sei appartamenti che, per precauzione, hanno provveduto ad allontanare i figli piccoli dal condominio che è rimasto agibile e senza danni, fatto salva la porzione intaccata dal fumo che riguarda il box e l’appartamento soprastante.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136