QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

“Mangia e Vai” in Valle Camonica: una giornata tra natura e enogastronomia per centinaia di partecipanti

domenica, 10 luglio 2016

Ponte di Legno – In clima ideale, sole e caldo, in mattinata si è svolta la dodicesima edizione della “Mangia e Vai”, la passeggiata enogastronomica che ha richiamato più di duemilaecinquecento persone, tra iscritti alla manifestazione e persone che, non avendo più posti disponibili, hanno percorso il classico sentiero tra sant’Appollonia, Pezzo e Case di Viso.

Impeccabile l’organizzazione – che ha ricalcato il modello degli scorsi anni – che ha allietato con musica la passeggiata, un’occasione per conoscere i bellissimi paesaggi dell’alta Valle Camonica e le sue tradizioni culinarie. La MangiaeVai è divenuta ormai un appuntamento fisso per quanti amano trascorrere una giornata  divertente, all’aria aperta, quindi a contatto con la natura e ricca di stimoli per tutte le età.

La partenza a Sant’Apollonia (raggiunta dalla maggior parte con bus navetta) dove, dalle 9 ci sono stati i primi passaggi fino alla 13.30, quando gli ultimi si sono incamminati verso case di Viso. Numerose le tappe: in località Silizzi la prima sosta nei pressi della vasta area attrezzata all’interno del Parco dello Stelvio dove vi attende un primo spuntino e il gadget ricordo. Attraversando le Case del Toss il ritorno Sant’ Apollonia per ritirare acqua, degustare il “Fiurit” e, per chi lo desidera, dissetarsi alla famosa fonte ferruginosa dalle proprietà curative visitando nel frattempo la graziosa chiesetta di San Rocco. Lungo la stradina racchiusa tra muretti di pietra si raggiunge Case di Gioco per assaggiare l’antipasto di affettati nostrani, pane di segale e vino bianco per poi proseguire verso Pezzo e degustare i famosi calsù preparati con la tipica ricetta.

Il viaggio nella Valle di Viso è proseguito fino al Ponte dei Martinoli per l’assaggio del tradizionale brodo di gallina e in località Valmalze il sorbetto. Infine lo spezzatino e salamella con polenta e vino rosso che è stato servito tra le suggestive Case di Viso. Prima di scendere lungo il sentiero che riconduce a Pezzo è possibile degustare, nella soprastante pineta, il caffè de scandèla. Dopo il successo dell’edizione 2016, da domani gli organizzatori inizieranno a pensare a quella del prossimo anno.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136