QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Il segretario Cgil Susanna Camusso a Rogno: “La crisi non è finita ed è sempre peggio”

sabato, 13 settembre 2014

Rogno – Un confronto aperto alla festa organizzata dalla Cgil Valle Camonica Sebino dal titolo “Fondata sul lavoro” con il segretario nazionale della Cgil, Susanna Camusso, che ha ribadito ” la crisi è tutt’altro che finita, quanto meno sul piano sociale e sul fronte del lavoro. La crisi sta peggiorando ed è sempre peggio”. Al confronto erano presenti anche parlamentari del Pd Alessandro Misiani e Massimo Mucchetti, politici, amministratori e cittadini. Il tema dell’incontro era il lavoro e le riforme e nei diversi interventi l’attenzione è caduta sulla pubblica amministrazione. I due parlamentare hanno ribadito: “Questa pubblica amministrazione non serve, perché è percepita in modo ostile dal Paese”.

“Non possiamo credere che la crisi sia finita solo perché sono cambiati alcuni indicatori. Se si parla di asset finanziari -afferma Susanna Camusso- che girano meglio, può essere. Ma sul fronte del lavoro non possiamo parlare di crisi passata finche’ non c’e’ una vera prospettiva per la gente. La distanza che c’e’ tra chi dice che siamo ormai alla ripresa e noi ruota attorno ad una sola questione: il lavoro”.

Susanna_Camusso1

“Abbiamo passato una lunga stagione in cui ci hanno raccontato che il lavoro non era la priorita’ e che la finanza era il futuro. Il lavoro a lungo – ha aggiunto la Camusso- è stato il nemico di un modello economico. Quando questo modello è fallito tutti hanno ripensato al lavoro. Da allora sono passati 5 anni e non e’ successo nulla”. Ma il peggio è, per il segretario della Cgil  ”che il lavoro non è ancora al centro del dibattito”. Per la Camusso “se non si riparte dal lavoro non c’è altra via d’uscita”. Poi ha annunciato la prossima manifestazione a lavoro sul lavoro.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136