QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Il rifugio Tassara chiuso per quasi tre mesi, il gestore lancia l’allarme

venerdì, 7 marzo 2014

Breno – Dopo il caso del rifugio Bozzi spunta la vicenda del rifugio Tassara in Bazena, isolato per quasi tre mesi in questo lungo inverno. Le nevicate di gennaio e febbraio hanno limitato, se non bloccato, l’attività del rifugio.

Il gestore Vittorio Gelmini chiede di ripensare l’attività dopo la chiusura della Provinciale 345 per pericolo valanghe. Il messaggio già inviato alla Provincia di Brescia e alla Cooperativa alpini di Valle Camonica: “L’attività è stata dimezzata”.

Tassara Bazena

Il rischio per il gestore del rifugio Tassara è quella di lavorare nel periodo estivo per pagare le perdite o i mancati incassi dell’inverno. Quindi il gestore punta a  rivedere al ribasso il contratto d’affitto del rifugio. Il problema? “Questa zona – sostengono gli esperti – sembra un po’ dimenticata”. Infatti la Provinciale è stata chiusa per quasi due mesi, in una zona tra le più frequentate dagli sciatori.

 


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136