QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Il maltempo non dà tregua: nuova allerta di Regione Lombardia, temporali e codice giallo in Valle Camonica

giovedì, 16 giugno 2016

Sonico – La Sala operativa della Protezione civile della Regione Lombardia, la cui attivita’ e’ coordinata dall’assessore alla Sicurezza, Protezione civile e Immigrazione, Simona Bordonali, ha emesso un avviso che conferma la moderata criticita’ (codice arancione) per rischio idrogeologico, idraulico, temporali forti e vento forte. Lo stesso avviso vale anche come comunicazione per i rischi con codice giallo.

In particolare, la Sala operativa segnala CODICE ARANCIONE:

- PER RISCHIO IDROGEOLOGICO sulle zone omogenee IM-01 (Valchiavenna, provincia di Sondrio), IM-04 (Laghi e Prealpi varesine, provincia di Varese), IM-05 (Lario e Prealpi occidentali, province di Como e Lecco), IM-06 (Orobie bergamasche, provincia Bergamo), IM-08 (Laghi e Prealpi orientali, province Brescia e Bergamo)

- PER RISCHIO TEMPORALI FORTI sulle zone omogenee IM-04 (Laghi e Prealpi varesine, provincia di Varese), IM-05 (Lario e Prealpi occidentali, province di Como e Lecco), IM-06 (Orobie bergamasche, provincia Bergamo), IM-07 (Valcamonica, province di Brescia e Bergamo), IM-08 (Laghi e Prealpi orientali, province Brescia e Bergamo), IM-09 (Nodo Idraulico di Milano, province di Como, Lecco, Monza e Brianza, Milano e Varese), IM-10 (Pianura Centrale, province Bergamo, Cremona, Lecco, Lodi, Monza e Brianza e Milano), IM-11 (Alta pianura orientale, province Bergamo, Brescia, Cremona e Mantova) e IM-12 (Bassa pianura occidentale, province di Cremona, Lodi, Milano e Pavia dalle 18 di oggi, 16 giugno);frana sonico

- PER RISCHIO IDRAULICO sulle zone omogenee IM-04 (Laghi e Prealpi varesine, provincia di Varese), IM-09 (Nodo Idraulico di Milano, province di Como, Lecco, Monza e Brianza, Milano e Varese) e IM-10 (Pianura centrale, province Bergamo, Cremona, Lecco, Lodi, Monza e Brianza e Milano)

E’ SEGNALATO POI CODICE GIALLO (ORDINARIA CRITICITA’) per la giornata di domani, venerdi’ 17 giugno, per

- RISCHIO IDROGEOLOGICO sulle zone omogenee IM-02 (Media-Bassa Valtellina, provincia di Sondrio), IM-07 (Valcamonica, province di Brescia e Bergamo), IM-09 (Nodo Idraulico di Milano, province di Como, Lecco, Monza e Brianza, Milano e Varese) e IM-14 (Appennino pavese, provincia di Pavia).

- RISCHIO IDRAULICO sulle zone omogenee IM-01 (Valchiavenna, provincia di Sondrio), IM-02 (Media-Bassa Valtellina, provincia di Sondrio), IM-05 (Lario e Prealpi occidentali, province di Como e Lecco), IM-06 (Orobie bergamasche, provincia Bergamo), IM-07 (Valcamonica, province di Brescia e Bergamo), IM-08 (Laghi e Prealpi orientali, province Brescia e Bergamo), IM-11 (Alta pianura orientale, province di Bergamo, Brescia, Cremona e Mantova), IM-12 (Bassa pianura occidentale, province di Cremona, Lodi, Milano e Pavia) e IM-13 (Bassa pianura orientale, province di Cremona e Mantova).

- TEMPORALI FORTI sulle zone omogenee IM-01 (Valchiavenna, provincia di Sondrio), IM-13 (Bassa pianura orientale, province di Cremona e Mantova) e IM-14 (Appennino pavese, provincia di Pavia).

- RISCHIO VENTO FORTE sulla zona omogenea IM-14 (Appennino pavese, provincia di Pavia).

FRANA DI PAL
A seguito della conferma del codice arancione per rischio temporali forti sull’area IM-07 e di un codice giallo per rischio idrogeologico-idraulico, si conferma la fase di preallarme (scenario b-colate Val rabbia) e la fase di ordinaria criticita’ per lo scenario a-frana Pal, rimandando alle azioni previste dalla “pianificazione d’emergenza provinciale per rischio idrogeologico-idraulico del fiume Oglio e del torrente val Rabbia”.

IL METEO
La vasta area depressionaria con centro sulle Isole Britanniche, in approfondimento tra Europa-Mediterraneo centroccidentale, si avvicina progressivamente alla regione determinando un progressivo e marcato peggioramento delle condizioni atmosferiche. I fenomeni fino alla mattina di oggi 16/06 sono risultati contenuti e confinati ai settori alpini-prealpini soprattutto di Nordovest (nelle ultime 12 ore fino a 50-60 mm circa in Valchiavenna). A partire dal pomeriggio di oggi 16/06 e fino alla mattina di domani 17/06, avremo temporali anche forti e precipitazioni frequenti e intense su fascia prealpina e alpina, in particolar modo sui settori di Nordovest, dove sono attese cumulate pluviometriche abbondanti o molto abbondanti. Anche le aree di medio-alta pianura centroccidentale verranno gradualmente interessate da fenomeni anche intensi. In seguito, a partire dal pomeriggio di domani, persisteranno condizioni di instabilita’ ma con fenomeni probabilmente meno significativi.

La Sala chiede di segnalare con tempestivita’ eventuali criticita’ telefonando al numero verde della Sala Operativa della Protezione Civile regionale, attivo H24, 800.061.160 o via mail all’indirizzo: cfmr@protezionecivile.regione.lombardia.it

Attesi temporali localmente intensi e forti venti anche in Trentino Alto Adige

Sono attesi, nelle prossime ore, temporali localmente intensi e venti forti anche in Trentino: messaggio mirato della Protezione civile. Nella serata di oggi, giovedì 16 giugno, è atteso il passaggio di un fronte freddo in movimento da ovest verso est. Nelle prossime ore e, specie in serata e nella notte, sono probabili forti venti meridionali e temporali che localmente potranno risultare intensi. Nelle prime ore di domani è previsto l’esaurimento dei fenomeni ad iniziare da ovest. Nei giorni successivi sono attese condizioni di debole instabilità.

Maltempo, primo livello di attenzione della Protezione civile in Alto Adige

Nella notte attese precipitazioni di forte intensità in Alto Adige. La Protezione civile provinciale ha attivato il primo livello di attenzione.

Il Servizio meteorologico della Provincia di Bolzano ha previsto per la nottata di oggi (a partire circa dalla mezzanotte) precipitazioni di particolare intensità. Le zone più interessate saranno quelle della Val d’Ultimo, della Val Passiria e dell’Alta Val d’Isarco. Per questo motivo, lo stato di protezione civile è passato dal livello zero (verde – normalità) al livello alfa (attenzione – giallo). Si tratta del secondo stato di protezione civile su una scala di pericolo che può raggiungere il bravo (arancione – preallarme) e il charlie (rosso – allarme).

“Lo stato di attenzione – sottolinea il direttore dell’Agenzia per la protezione civile Rudolf Pollinger – viene dichiarato in caso di allertamento preventivo in vista di eventi legati a rischio idrogeologico ed idraulico La caratteristica fondamentale di tale passo consiste nell’attivare una fase di preparazione da parte del sistema di protezione civile provinciale che comprende autorità, strutture operative, servizi tecnici, gestori e cittadini, i quali devono farsi trovare pronti in caso di necessità”.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136