QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad


Ad
Ad

Incudine: il Labrador Susy non è stato ucciso a fucilate. Potrebbe essere stato investito da un’auto

venerdì, 5 settembre 2014

Incudine – Colpo di scena. Il Labrador Susy non è stata uccisa a fucilate. L’istituto zooprofilattico di Brescia ha inviato al Comune di Incudine (Brescia) gli esiti dell’autopsia condotta sulla carcassa del labrador la cui padrona aveva denunciato l’uccisione. Ma il cane, secondo quanto si legge nel referto, non è morto sotto colpi di arma da fuoco, come sosteneva la donna: le cause del decesso sarebbero naturali o provocate dall’investimento di un veicolo. Cambia quindi la versione e le indagini dei carabinieri di Vezza d’Oglio hanno ordinato la riesumazione, per approfondire le cause precise della morte. Il caso quindi Labrador1si ridimensiona e l’orientamento è quello di non enfatizzare.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136