QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Il camuno Luca Tosini, insieme a Roberto Peroglio, conquista il Rally 2Laghi-Città di Domodossola

lunedì, 10 aprile 2017

Domodossola – Per la prima volta la vittoria del Rally 2Laghi-Città di Domodossola esce dai confini piemontesi e prende la strada dell’alta Lombardia e più precisamente della Valle Camonica. E’ di Ceto infatti Luca Tosini, driver della scuderia New Turbomark che si è aggiudicato la 4° edizione del rally ossolano disputatosi ieri, domenica 9 aprile.

tosini peroglioSugli asfalti di Montecrestese, Calasca e Lusentino, il pilota bresciano ha dapprima pensato a contenere uno straripante Caffoni e poi, una volta ritiratosi il forte locale, ha condotto in vetta alla classifica con audacia e grandi abilità la sua Clio R3C fino al traguardo.

A nulla sono valsi i grandi recuperi di Fabrizio Margaroli o Alex Vittalini né l’ottima gara di Gianesini.

Sono davvero felice perché non è facile vincere fuori casa specie su queste strade nelle quali battere le S1600 è davvero molto dura” dice Tosini. “Insieme a Roberto Peroglio abbiamo deciso di partire subito forte perché sappiamo quanto sia importante iniziare a razzo per approfittare di chi magari “sonnecchia” un po’ sulle prime prove. Dedico il successo a mio papà Pietro, colui che mi ha trasmesso la passione e che da alcuni anni mi segue dal cielo!”

Luca Tosini, nato il 22 febbraio del 1980, è al suo sesto successo assoluto in un rally: alle doppiette del Camunia (2014-2015) e del Sebino (2015-2016) e al successo della Ronde Aci Brescia (2016) segue ora il 2Laghi 2017.

Secondi Fabrizio Margaroli e Andrea Dresti: i due domesi hanno forse pagato un inizio non efficace frutto anche della poca abitudine alla Clio S1600: la bella rimonta nella seconda parte di gara è però sinonimo di grandi capacità dato che da quarti i due della Top Rally sono passati in seconda posizione; distacco finale di 10”3.

A podio Marco Gianesini e Fulvio Solari, secondi fino ad uno stage dalla fine e quindi con un po’ di amaro in bocca: con una identica vettura a quella di Margaroli “Jr”, i due lombardi hanno perso la medaglia d’argento per soli sei decimi.  Buon per loro che sono riusciti a contenere l’altro Margaroli, Massimo, che in coppia con Cerutti, ha accarezzato il sogno di finire a podio insieme al fratello: quarti a 12” da Tosini e a 1”1 da Gianesini, i due amici della Rally & Co. sono stati ottimi protagonisti della R3C. Quinti i vincitori dell’edizione passata Giudici-Fatichi che hanno pagato a caro prezzo una girata con spegnimento sulla Ps2 costata circa dieci secondi.

Peruccio è sesto sempre su Clio S1600 mentre i varesini Re-Luca (id.) settimi. Incredibili i camuni (come Tosini) Ilario Bondioni-Sabrina Cola che su Mini Cooper R1T chiudono con uno strabiliante ottavo tempo assoluto finale che con il 4° dell’ultima Lusentino brilla come un diamante raro. Noni sono i lariani Vittalini-Cerè che senza la penalità di 30” avrebbero goduto di un altro secondo assoluto come un anno fa. A chiudere la top ten ci hanno pensato Luca Cotone e Damiano Belotti, primi di A7 e abili a cimentarsi in un contesto pressoché nuovo: Cotone è un affermato campione di trial.

Altri Premi: il Trofeo Diego Caffoni è stato assegnato al n.19 Patritti; col tempo di 9’46”5 è il primo conduttore Under 25 nella sommatoria dei tempi della Lusentino (Ps3 e Ps5).  Il Memorial Bianchetti è invece andato a Roberto Peroglio, primo navigatore Over40 al traguardo: il navigatore di Tosini è nato nel 1958.

Ultime Prove speciali:

PS4 Montecrestese: Annullata anche la minima incertezza sulle gomme e passati nuovamente su una speciale già corsa, i concorrenti hanno iniziato a livellare le performance e ciò fa sì che si trovino sette equipaggi in meno di due secondi; Tosini vince il suo secondo stage staccando di 0”1 Fabrizio Margaroli, e Andrea Giudici finiti a pari tempo.  A 0”8 Massimo Margaroli mentre a 1”1 termina Vittalini, a 1”2 Gianesini e a 1”8 il rientrante Laurini. Quattro equipaggi gettano la spugna su questo passaggio di Montecrestese.

PS5 Calasca: Vittalini realizza lo scratch con la Ds3: sono tre i decimi di vantaggio su Giudici mentre quattro quelli su Gianesni. Massimo Margaroli paga 0”7 mentre Tosini 0”8. Fabrizio Margaroli chiude a 1”7

Ps6 Lusentino: Fabrizio Margaroli realizza lo stesso tempo mattutino di Tosini che però alza di 0”2. Questo scratch di Margaroli gli consente di scalare la graduatoria superando Gianesini nella generale

Classifica Top Ten finale

1)      Tosini-Peroglio (Renault Clio R3C) in 23’432”6; 2) Margaroli-Dresti a 10”3; 3) Gianesini-Solari a 10”9; 4) Margaroli-Cerutti (Renault Clio R3C) 12”0; 5) Giudici-Fatichi a 20”0; 6) Peruccio-Buffoli a 29”6; 7) Re-Luca a 31”5; 8) Bondioni-Cola (Mini Cooper R1T) a 31”6; 9) Vittalini-Cerè a 32”3; 10) Cotone-Belotti (Renault Clio W. A7) a 33”0. Tutti gli altri su Renault Clio S1600.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136