QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Polisportiva Disabili Valcamonica, handbike: proseguono le avventure di Mirco Bressanelli

giovedì, 4 giugno 2015

Breno – Le avventure di Mirco Bressanelli proseguono. Da alcuni anni l’atleta Mirco Bressanelli della Polisportiva Disabili Valcamonica con il suo handbike si dedica alle gare su strada, dalle maratone alle cosiddette ‘randonnées’. Dopo aver completato ed ottenuto i brevetti da 200 e 300 km, Bressanelli ha provato nei giorni scorsi una randonnée da 400 Km, ma causa impegni personali, la prima prova è saltata e così, la settimana successiva partecipa ad una prova di 600km.mirco bressanelli

Questo il commento di questa avventura: “Innanzitutto il chilometraggio di 600 chilometri per me era un’autentica scommessa, non l’avevo mai provato, ma avevo il vantaggio della divisione della prova in 2 giri di 300 Km. La partenza è nel trevigiano e il percorso si è snodato nel Veneto e nel Friuli con un continuo saliscendi. Parto e resto con altri ciclisti fino al 20km quando si spezza un pedale del mio handbike e quindi non mi resta che rientrare alla base con un singolo pedale.

Lì, grazie anche all’aiuto di accompagnatori di altri atleti sostituisco i pedali con una coppia di scorta, meno performanti soprattutto nelle salite. E cosi, seppur attardato di tre ore e con una quarantina di km aggiuntivi, provo a ripartire ben sapendo che a questo punto dovrò affrontare la prova in solitaria.

Per un errore di percorso, sbaglio strada ed evito la salita più dura del percorso, ma all’arrivo, dopo aver segnalato l’errore, mi viene comunicato dall’organizzazione che comunque posso continuare l’avventura.

Alcuni ripartono subito pedalando di notte, io decido, come altri, di riposare e ripartire col chiaro per la seconda metà del percorso. La seconda giornata non ha ulteriori problemi meccanici, ma il caldo, la fatica accumulata ed il saliscendi si faranno sentire costringendomi ad abbassare il ritmo”. Mirco Bressanelli ha completato la prova in circa 37 ore, comprese la varie fermate.

Ancora le sue parole per descrivere le emozioni vissute e il suo futuro: “Degno di nota il percorso dal punto di vista naturalistico, storico e culturale per la varietà e la moltitudine dei punti di interesse. La prossima avventura è prevista per la metà di giugno con una randonnée di 400km da Modena, con passaggio dal Passo della Futa con il personale obiettivo di completare nel 2015 il ciclo di brevetti da 2-3-4-600km”. E quindi per il grande Mirco Bressanelli l’avventura continua…

 


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136