QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad


Ad
Ad

Giuseppe Grattacaso con “La vita dei bicchieri e delle stelle” vince PontedilegnoPoesia. FOTO

domenica, 24 agosto 2014

Ponte di Legno - Giuseppe Grattacaso, con il libro “La vita dei bicchieri e delle stelle”, edito da Campanotto, ha vinto la quinta edizione di PontedilegnoPoesia, concorso nazionale di poesia edita, organizzato da Pontedilegno-MirellaCultura. (Nella foto i tre premiati di PontedilegnoPoesia 2014. Da sinistra Mario Santagostini, il vincitore Giuseppe Grattacaso e Alessandro Quattrone)I tre premiati di PontedilegnoPoesia 2014. Da sinistra Mario Santagostini, il vincitore Giuseppe Grattacaso e Alessandro Quattrone

Il secondo premio e’ stato assegnato ad Alessandro Quattrone con “Prove di lontananza” (Book Editore), il terzo a Mario Santagostini con “Felicita’ senza soggetto” (Mondadori).

Fabio Scotto con “La Grecia e’ morta” (Passigli Editori) si e’ invece aggiudicato il premio assegnato attraverso una votazione del pubblico che, nelle serate di venerdi’ e sabato, aveva ascoltato dalla viva voce dei poeti finalisti il racconto di come erano nate le loro opere e spezzoni di esse. Particolare curioso: il pubblico con la sua votazione ha collocato ai primi tre posti i tre poeti che invece non sono entrati nei premi assegnati dalla giuria tecnica. Dopo Scotto, infatti, figurano Marco Marangoni con “Congiunzione amorosa” (Moretti&Vitali) e Mario Rondi con “Cabaret” (Genesi Editrice).

sandrini premiazione mirellacultura

(Nella foto a lato il sindaco di Ponte di Legno Aurelia Sandrini e il vincitore)

PROTAGONISTA ANCHE EUGENIO FONTANA
E’ stato anche consegnato il premio speciale MirellaCultura a Eugenio Fontana, storico e critico della Val Camonica che, come dice la motivazione, “attraverso una scrittura elegante e un eloquio ancor piu’ accattivante, ha rappresentato e rappresenta una voce autorevole, che aiuta a trasferire anche alle giovani generazioni uno straordinario patrimonio di conoscenza e tradizione”.

La cerimonia di premiazione si e’ svolta nell’auditorium di Ponte di Legno, in alta Val Camonica, con l’intervento, fra gli altri, del sindaco Aurelia Sandrini, che ha sottolineato come l’appuntamento con i poeti faccia parte ormai della tradizione culturale della localita’ turistica.

A PontedilegnoPoesia 2014 hanno preso parte 72 opere, sei delle quali erano state promosse alla finale dalla Giuria, presieduta da Marisa Brecciaroli e composta da Maria Luisa Ardizzone, Vincenzo Guarracino, Giuseppe Langella, la stessa che, assente il solo Pontiggia per problemi personali, ha poi deciso l’assegnazione dei premi.

Marisa Brecciaroli ha sottolineato come il risultato vada al di la’ dei confini regionali. Finora, pur fra grandi nomi (Franco Loi, Milo de Angelis, Franca Grisoni, Maurizio Cucchi), i vincitori erano stati esclusivamente lombardi. In questa edizione, invece, ha spirato un po’ di vento del Sud.

Giuseppe Grattacaso, 57 anni, salernitano di origini ma residente a Pistoia, e’ poeta molto noto, che era gia’ stato finalista nella prima edizione di PontedilegnoPoesia, nel 2010. Con “La vita dei bicchieri e delle stelle”, secondo la motivazione, “propone un’opera in cui una gradevole leggibilita’ si sposa profondamente con una rara ricchezza formale, con una costante musicalita’ e con una mirabile densita’ poetica”. (Nella foto il patron del premio Andrea Bulferetti e il vincitore).foto bulferetti mirellacultura

E’ originario del Sud, per la precisione di Reggio Calabria, anche se vive ed insegna a Como, il secondo classificato, Alessandro Quattrone, che ha al suo attivo numerosi riconoscimenti in passato (Premio Viareggio-opera prima nel 1984, Premio Montale nel 1994). Santagostini, milanese doc, terzo classificato, e’ altro personaggio notissimo nel mondo letterario, collaboratore di quotidiani e periodici.

Fabio Scotto, spezzino di nascita, varesino di residenza, professore di letteratura francese all’Universita’ di Bergamo, ha invece ottenuto un largo consenso di pubblico e il relativo premio, intitolato quest’anno al ricordo di Carlo Emilio Gadda, scrittore che ha lasciato un segno profondo in Val Camonica. Glielo ha consegnato Sarah Maestri, l’attrice di “Notte prima degli esami” e di tante fiction televisive di successo, che e’ stata madrina di questa edizione del Premio ed ha riscosso molti consensi quando ha letto alcune delle poesie proposte dagli autori finalisti. Cosi’ come un notevole consenso ha riscosso la fisarmonica di Oscar Taboni ed Emanuele Moretti che con “Melodie dell’anima” sono stati la colonna sonora di questi tre giorni.

Andrea Bulferetti, presidente di Pontedilegno-MirellaCultura, nel suo intervento ha ribadito l’intenzione di proseguire nell’iniziativa che, pur fra grandi sacrifici, ogni anno di piu’ si consolida nel panorama culturale italiano. Cosi’ come continuera’ l’installazione dei totem poetici: per il quinto sara’ scelta una poesia sul tema della pace. E siccome il 2015 sara’ l’anno del Centenario della Grande Guerra, combattuta su queste montagne e nota come la Guerra Bianca, MirellaCultura ha chiesto il contributo di tutti i poeti che hanno partecipato a questa e alle edizioni precedenti perche’ inviino una loro opera: insieme a quella collocata nel quinto totem, andranno a far parte di un volume che sara’ edito dall’ associazione proprio in occasione del Centenario. Tema, ovviamente, la pace.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136