QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Gioia a Breno, Camunerie sugli scudi: è la migliore rievocazione storica del Bresciano

mercoledì, 6 maggio 2015

Breno – “Camunerie. Il castello che rivive” è stata la migliore rievocazione storica della provincia di Brescia nel 2014. Lo hanno stabilito il portale “Panesalamina” e l’associazione “Neaterra”, territori”, che per il terzo anno hanno indetto il premio “Paesi in festa”. Le premiazioni si sono svolte nei giorni scorsi al castello di Padernello, nell’ambito del “Salone delle eccellenze e dei territori”.Breno-Giardino

Per la pro loco di Breno, organizzatore di Camunerie, erano presenti il presidente Emanuele Ongaro, il suo vice e una consigliera. “Ricevere dei riconoscimenti è sempre gratificante e fa capire che la strada intrapresa è quella giusta. Il premio per la miglior rievocazione storica del 2014 è stato possibile grazie all’aiuto fondamentale di tutti i volontari della pro loco, che ogni anno consentono all’evento di svolgersi con successo”.

Gli esperti di “Panesalamina” partecipano a feste, sagre e fiere ogni settimana, osservando ogni dettaglio, e per valutare gli appuntamenti applicano un codice di valutazione eventi con 14 parametri. Vengono riconosciute quelle iniziative che si sono particolarmente distinte proponendo eventi che hanno saputo valorizzare il proprio territorio attraverso l’enogastronomia, la cultura, la storia, l’arte e le tradizioni locali. E da quest’anno sono inserite anche manifestazioni da fuori provincia.

“Il premio ci dà ora nuovi stimoli per poter strutturare l’edizione del 2015 di Camunerie con tante novità”, conclude Ongaro, che è già al lavoro con il consiglio e i volontari della pro loco da qualche mese. Tra i premiati, c’è stato anche De gustibus di Malegno, come miglior percorso enogastronomico.

Ogni iniziativa viene valutata in base al codice e, a fine anno, i responsabili del portale e dell’associazione incrociano i punteggi degli eventi pre-selezionati e stilano una classifica. I 14 punti del codice sono;
1. Promozione della Tradizione Locale e del Territorio (Enogastronomia, Cultura, Storia)
2. Capacità di fare Rete tra i soggetti presenti nella Comunità Locale
3. Finalità e capacità progettuale
4. Lungimiranza dell’evento
5. Prodotto tipico locale come segno d’Identità del territorio
6. Evento non speculativo ma opportunità per tutti i Soggetti del Territorio
7. Capacità di Valorizzare il proprio Patrimonio Culturale, artistico, storico locale
8. Capacità di creare momenti di socializzazione, aggregazione e riflessione
9. Location nella quale viene effettuato l’evento
10. Comunicare l’utilizzo dell’incasso ottenuto nell’evento
11. Rispetto dell’ambiente, l’utilizzo di materiali ecocompatibili e\o riciclati
12. Accessibilità per soggetti svantaggiati
13. Rapporto qualità e prezzo delle proposte enogastronomiche
14. Durata dell’evento


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136