QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad

Ad
Ad
Ad

Ad

Giallo imprenditore di Marcheno: a Ponte di Legno riprese le ricerche di Ghirardini. Le indagini. Photogallery

domenica, 18 ottobre 2015

Ponte di Legno – Sono riprese in mattinata le ricerche di Giuseppe Ghirardini, l’operaio 50enne bresciano scomparso da casa mercoledì scorso la cui auto è stata trovata tra Ponte di Legno e il Tonale.

Le ricerche, con i cani molecolari, di Giuseppe Ghirardini non hanno dato finora esito. Nessuna traccia evidente. Hanno percorso un sentiero per qualche centinaia , poi si sono fermati.

Riprendono questa mattina partendo dalla sede del soccorso alpino di Ponte di Legno, a lato della statale 42, base di ritrovo degli uomini impegnati nelle ricerche.

Oggi l’attenzione si concentra su alcune impronte nella neve e su un fuoco acceso in una baitella lungo i sentieri che portano a Case di Viso.

Ghirardini è sparito nel nulla dopo la scomparsa del suo datore di lavoro, l’imprenditore Mario Bozzoli che proprio l’operaio, addetto ai forni della fonderia, è stato tra gli ultimi a vedere vivo la sera di giovedì di una settimana fa.

Proprio in merito alla sera della scomparsa dell’imprenditore ci sarebbero aspetti sui quali gli inquirenti stanno lavorando.

A partire dalla circostanza di un fornitore spagnolo al quale sarebbe stato chiesto di posticipare di due ore la consegna di materiale. Sarebbe dovuto entrare in azienda attorno alle 19, l’orario in cui Bozzoli ha chiamato per l’ultima volta la moglie prima di sparire nel nulla. In Alta Valle Camonica le ricerche dell’uomo di 50 anni si estendono su una vasta area.

Il gruppo interforze – che fa base alla stazione del soccorso alpino di Ponte di Legno – è composto dai tecnici della V Delegazione Bresciana del CNSAS (Corpo nazionale Soccorso alpino e speleologico), SAGF (Soccorso alpino Guardia di Finanza), Carabinieri, Vigili del Fuoco, Corpo forestale dello Stato, Polizia locale, Protezione civile e volontari.

La situazione meteorologica presenta cielo coperto, con bassa visibilità dovuta alla presenza di nebbia nelle zone più in alto e questo ostacola l’attività.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136