QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Gheppio svizzero folgorato, ricoverato al CRAS di Paspardo

mercoledì, 28 giugno 2017

Paspardo – Una storia a lieto fine per un Gheppio svizzero che trova casa in Italia, ma che rimane folgorato sulle linee di media tensione. La Polizia Provinciale di Brescia ha recuperato nel comune di Monticelli Brusati, e portato al CRAS del Parco dell’Adamello un esemplare maschio adulto di Gheppio (Falco tinnunculus) con traumi ascrivibili a folgorazione probabilmente l’animale si è posato sui cavi di una linea di media tensione.

“Presentava un anello sulla zampa sinistra con provenienza Svizzera – sottolineano al CRAS – abbiamo quindi deciso di chiedere maggiori informazioni sulla storia di questo splendido esemplare”.

Dopo aver avvisato la stazione Ornitologica di Sempach (www.vogelwarte.ch) sono stati inforGheppio Cras Paspardo1mati che l’esemplare era stato inanellato, da pulcino al nido, nel giugno 2015 a Forel (Lavaux) a circa 300 chilometri dal punto di ritrovamento.

Secondo quanto ricostruito l’animale, dopo la fase di dispersione giovanile, probabilmente aveva scelto come casa la zona della Franciacorta, in prossimità dei primi rilievi prealpini, purtroppo come sempre più spesso accade è bastato posarsi nel posto sbagliato per riportare gravi ferite. La folgorazione è infatti tra le principali cause che minacciano le popolazioni di rapaci che vivono in Provincia di Brescia, anche considerando che gli animali effettivamente ritrovati sono soltanto un piccolo barlume di un fuoco ben più vasto. Al momento la prognosi è riservata, ma manteniamo viva la speranza di un esito positivo e di una reintroduzione in natura di questo esemplare.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136